Cellule staminali per la ricostr…

Per ora e' un sogno: cost…

Avocado: elisir contro chili di …

E' un frutto indispensabi…

Cervello: dopamina riduce impuls…

Innalzare i livelli del n…

Apnea notturna e i rischi di ict…

Le persone che soffrono d…

[Cordis] Buone notizie per i gio…

Secondo una nuova ricerca…

Calcoli renali: abuso di bevande…

Bere bibite gassate e…

Menopausa: cure sì, ma mirate

In occasione della gior…

Cellule tumorali morenti usano l…

La proteina chiamata PARC…

Dal MIT: silenziare 'i promotori…

[caption id="attachment…

La rete europea LeukemiaNet agev…

I ricercatori europei con…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Piede del diabetico: all’ICCSS Milano lo si cura 24 ore su 24


Diretto dal professor Carlo Caravaggi, il Centro di cura del piede del diabetico dell’Istituto Clinico Città Studi – ICCS – Milano è attivo 24 ore su 24. Dal Pronto Soccorso i casi più gravi. Per evitare l’amputazione l’arma più potente è la diagnosi precoce, che permette interventi programmati, mirati e conservativi.


Milano, 30 Marzo 2010
– Nel 2025 i diabetici nel mondo saranno 350 milioni: una vera e propria epidemia, secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. In Europa ne soffre il 5% della popolazione con punte del 12% nei Paesi del Nord.
Quasi due pazienti su 10 (15%) svilupperanno una lesione ulcerativa del piede, che nell’85% dei casi precede un’amputazione di gamba o di coscia.

Secondo le stime, in Italia il 5% della popolazione soffre di diabete. Ogni anno è colpito da lesioni ulcerative del piede l’1,5% dei pazienti con diabete.

“Quando parliamo di piede del diabetico – spiega il prof. Carlo Caravaggi, che dirige il centro per la cura del piede diabetico presso l’Istituto Clinico Città Studi – ICCS – Milano – non ci riferiamo esclusivamente al piede che presenta ormai delle ulcere o vari gradi di infezione, ma anche a quelle condizioni preulcerative che pongono il piede a rischio di insorgenza di queste lesioni.
Se non curata per tempo, questa complicanza ha conseguenze estremamente importanti per la vita del paziente. E ancora troppo spesso, molti diabetici arrivano al nostro centro passando dal Pronto Soccorso, quando la patologia è in fase così avanzata da non permettere un trattamento conservativo, reso possibile invece dalla diagnosi precoce”.

Il Centro Interdipartimentale del Piede Diabetico dell’ICCS Milano, attivato nel 2009, è uno dei centri di riferimento a livello italiano dove si visitano, in media, 40 persone al giorno. Ad oggi sono stati effettuati circa 500 interventi. Il reparto è composto da 27 letti di degenza ordinaria. Il Centro dispone inoltre di una sala operatoria dedicata 24 ore su 24.
I ricoveri possono avere sia carattere di elezione per interventi programmati che carattere di urgenza per il paziente che giunge direttamente dal Pronto Soccorso dell’ICCS o da altri
ospedali ed ambulatori del piede diabetico. Il paziente può essere inviato al Centro direttamente dal proprio medico di famiglia o da colleghi di altri ambulatori o ospedali.
L’equipe prevede inoltre una doppia reperibilità chirurgica che permette di effettuare interventi chirurgici in urgenza, in caso di infezioni severe del piede, 24 ore su 24, diventando così un centro di riferimento per il Pronto Soccorso.

Ma quali sono i primi campanelli d’allarme che il diabetico non deve sottovalutare?

Una sensazione di “formicolio o di punture di spillo” sia ai piedi che alle gambe, prevalentemente nelle ore notturne, tanto da interferire con un sonno tranquillo. Quando viene perduta la sensibilità del piede, il cammino può risultare difficoltoso ed incerto. Talvolta sulla pianta del piede possono comparire delle callosità non dolenti, e quindi non avvertite dal paziente, che tendono, se non curate, a trasformarsi in lesioni ulcerative. Anche una calzatura stretta o un chiodo all’interno di

una calzatura possono produrre delle ulcere del piede proprio per la mancanza della sensibilità al dolore.

“Questi sono infatti gli effetti della neuropatia, – continua Caravaggi – alla quale si possono aggiungere quelli della vascolopatia, che causa un sostanziale restringimento delle arterie che portano il sangue ai piedi. Nelle condizioni più avanzate la quantità di sangue non è più sufficiente a nutrire la cute dei piedi che diventa più sottile e meno resistente anche ai minimi traumi”.

Uno dei sintomi classici della vascolopatia è la comparsa di dolore ai polpacci dopo un periodo di cammino più o meno lungo o addirittura a riposo. Purtroppo a causa della coesistenza della neuropatia con perdita della sensibilità al dolore questo campanello d’allarme non è avvertito in circa il 50% dei pazienti. Il dolore, quando è presente, indica che il muscolo della gamba non riceve una quantità di sangue sufficiente durante la marcia o, nei casi più gravi, anche a riposo.

“Il paziente diabetico che avverte questi sintomi deve rivolgersi immediatamente al medico. Una diagnosi precoce, che può essere effettuata con una semplice visita, consente infatti di attuare semplici interventi, come la rimozione di una callosità o l’uso di calzature idonee, che portano ad una netta riduzione del rischio di complicanza”.

Anche quando la malattia è ormai in stadio avanzato è ancora possibile mettere in atto interventi conservativi dell’arto.
Nei casi di malattia avanzata la cute del piede può essere fredda e presentarsi di colore rosso o bluastro con lesioni ulcerative talvolta anche molto piccole ma molto dolenti.
“Quando vi sono questi sintomi – conclude il professor Caravaggi – ci troviamo in una situazione di vera emergenza poiché un’eventuale infezione di un’ulcera quando coesiste un’insufficiente vascolarizzazione del piede può evolvere in tempi brevissimi in un quadro
di gangrena del piede con un rischio elevatissimo di amputazione. Il paziente deve recarsi immediatamente presso un Centro del Piede Diabetico per una rapida diagnosi alla quale deve seguire un intervento di rivascolarizzazione che, nella maggior parte dei casi, può essere effettuato per via endoluminale (angioplastica) o, nei casi più severi, con intervento chirurgico di by-pass. Il Centro del Piede Diabetico dell’Istituto Clinico Città Studi collabora sia con il Servizio di emodinamica interventistica periferica che con l’Unita’ di Chirurgia Vascolare dell’ICCS che si sono specializzati nella rivascolarizzazione degli arti inferiori nella popolazione diabetica”.

Per informazioni: Ilaria Giovanditto 392-8992148

IL CENTRO DI CURA DEL PIEDE DEL DIABETICO
DELL’ISTITUTO CLINICO CITTÀ STUDI – ICCS – MILANO

Inaugurato il 1 luglio 2009, il Centro di Cura del Piede Diabetico dell’ICCS Milano è diretto dal professor Carlo Caravaggi.
Caravaggi e il suo staff hanno visitato in media 40 persone al giorno ed effettuato circa 500 interventi. Il Centro possiede caratteristiche organizzative tali da renderlo un riferimento nazionale per i casi più complessi.
È costituito da un ambulatorio, da un reparto di ricovero e dispone di una sala operatoria dedicata.
Nell’ambulatorio vengono effettuate sia le visite a nuovi pazienti sia i controlli dei pazienti sottoposti precedentemente a trattamento chirurgico o in trattamento per lesioni ulcerative. Qui si eseguono correntemente gli esami di screening della neuropatia (valutazione della soglia di sensibilità) e della vascolopatia (ossimetria transcutanea e doppler).
Il podologo esegue sia le visite periodiche di controllo dei pazienti guariti sia le visite podologiche durante le quali viene trattata la patologia ungueale e viene eseguita un’analisi biomeccanica del piede per evidenziare eventuali alterazione morfo-funzionali.

Il reparto di ricovero è composto da 27 letti di degenza ordinaria. I ricoveri possono avere sia carattere di elezione per interventi programmati che carattere di urgenza per il paziente che giunge direttamente dal Pronto Soccorso dell’ICCS o da altri ospedali ed ambulatori del piede diabetico.
Il paziente può essere inviato al Centro del Piede Diabetico direttamente dal proprio medico di famiglia o da colleghi di altri ambulatori o Ospedali.
Il Centro del Piede Diabetico dispone di una sala operatoria dedicata ove vengono eseguiti sia gli interventi chirurgici programmati sia quelli in urgenza.
L’equipe di Caravaggi prevede una doppia reperibilità chirurgica che permette di effettuare interventi chirurgici in urgenza, in caso di infezioni severe del piede, 24 ore su 24, diventando così un centro di riferimento per il Pronto Soccorso.
Le stretta collaborazione con il Servizio di Emodinamica intervestica periferica, diretta del dottor Roberto Ferraresi, e con l’Unita’ di Chirurgia  Vascolare, diretta del dottor Antonio Pastore, permette di sottoporre i pazienti affetti da ischemia critica degli arti inferiori a procedure di rivascolarizzazione sia endoluminale (angioplastica) che chirurgica (by pass) anche in regime di urgenza
Il Centro del Piede Diabetico opera in collaborazione anche con l’Unità Operativa di Chirurgia del Piede e della Caviglia, diretta dal dottor Alessandro Farnetti, per gli interventi di ricostruzione e di correzione delle severe deformità del piede che caratterizzano la Neuroatropatia di Charcot.
L’elevata professionalità dell’equipe che opera sul piede diabetico e l’elevato numero dei pazienti trattati hanno permesso di identificare, nel panorama nazionale e internazionale, il Centro dell’ICCS come una sede di formazione sia per i medici che per il personale infermieristico deputati al trattamento di questa patologia.
Periodicamente, infatti, vengono effettuati corsi di aggiornamento e stage di formazione per medici, tecnici ortopedici e podologi.

Il professor Carlo Caravaggi, che ha al suo attivo diversi studi scientifici pubblicati su riviste internazionali ed ha pubblicato diversi libri sulla patologia del piede diabetico, è stato responsabile del Centro per lo studio e la cura del piede diabetico all’ospedale di Abbiategrasso e nel 1998 ha lavorato presso il Deaconess Hospital Diabetic Foot Center alla Harvard University – Boston, Usa.
È attualmente Coordinatore Nazionale del Gruppo di Studio Interassociativo SID-AMD del Piede Diabetico e Vice Chairman del Diabetic Foot Study Group dell’European Association for the Study of Diabetes.

Per informazioni: Ilaria Giovanditto cell. 392-8992148

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!