"Nuovi anticoagulanti orali: in…

Sintesi interventi relato…

Dolore cronico nei pazienti anzi…

Tecniche di comunicazione…

Molte amicizie (vere) su Faceboo…

Buone notizie per gli ama…

Scoperta una proteina che rallen…

Bloccando una proteina c…

Dolore Cronico per oltre 745.000…

Il 15 ottobre, arriva in …

Sclerosi multipla: differenze ce…

La differenza che c'e' tr…

Marijuana e salute: una relazion…

L’uso abituale di marijua…

Broccoli anti-cancro, ma collabo…

[caption id="attachment_…

Staminali per la rigenerazione d…

[caption id="attachment_8…

Bambini all'aria aperta anche d'…

Le precauzioni per evitar…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Stress: la produzione di neuroni spiega la risposta diversa da individuo a individuo

Alcune persone sono piu’ suscettibili di altre allo stress perche’ producono piu’ neuroni dopo un evento negativo. Lo ha scoperto uno studio dell’Universita’ del Texas pubblicato dalla rivista Pnas. Attraverso una serie di esperimenti sui topolini, i ricercatori hanno trovato che settimane dopo aver avuto un’esperienza stressante gli animali che si erano mostrati piu’ suscettibili esibivano una maggiore neurogenesi, cioe’ la nascita di nuove cellule nel cervello. O meglio, le cellule prodotte sopravvivevano piu’ di quelle nuove prodotte dai topi meno suscettibili. Inoltre, bloccando la neurogenesi anche i topi piu’ stressati reagivano meglio alle situazioni difficili.

“Questo lavoro mostra che c’e’ un periodo di tempo durante il quale potrebbe essere possibile alterare la memoria riguardo una particolare situazione manipolando le cellule generate nel cervello – ha spiegato Amelia Eisch, una delle autrici – questo ci puo’ aiutare intanto a capire perche’ le persone reagiscono in maniera cosi’ diversa tra loro allo stress”. I ricercatori hanno esposto alcuni topi a emozioni negative mettendoli in una gabbia con topi piu’ aggressivi per 5 minuti al giorno, testando in seguito la loro suscettibilita’ allo stress. Entrambi i tipi di cavia hanno mostrato la stessa produzione di nuove cellule subito dopo l’evento negativo, ma a distanza di poche settimane quelli che si erano mostrati piu’ stressati ne avevano molte di piu’.
AGI - Salute

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!