Alzheimer: nuove scoperte per pr…

E' appena stato pubblica…

Allarme Bullismo: ne è vittima 1…

Il Ministero dell’Istruzi…

Tumori: tanti screening diagnost…

[caption id="attachment_3…

Attacchi cardiaci: meditare li t…

La meditazione trascende…

Leucemia mieloide: UE approva un…

[caption id="attachment_1…

Degenerazione maculare: farmaci …

Un trattamento farmacolog…

L'appetito regolato dalle cellul…

Producendo una particolar…

Vaccini: è italiana la scoperta …

Una proteina 'chimerica',…

Fumo: in GB la campagna Stoptobe…

Piu' di un terzo di un mi…

Iniezioni di gel di staminali ne…

Con un'iniezione di stami…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Stress: la produzione di neuroni spiega la risposta diversa da individuo a individuo

Alcune persone sono piu’ suscettibili di altre allo stress perche’ producono piu’ neuroni dopo un evento negativo. Lo ha scoperto uno studio dell’Universita’ del Texas pubblicato dalla rivista Pnas. Attraverso una serie di esperimenti sui topolini, i ricercatori hanno trovato che settimane dopo aver avuto un’esperienza stressante gli animali che si erano mostrati piu’ suscettibili esibivano una maggiore neurogenesi, cioe’ la nascita di nuove cellule nel cervello. O meglio, le cellule prodotte sopravvivevano piu’ di quelle nuove prodotte dai topi meno suscettibili. Inoltre, bloccando la neurogenesi anche i topi piu’ stressati reagivano meglio alle situazioni difficili.

“Questo lavoro mostra che c’e’ un periodo di tempo durante il quale potrebbe essere possibile alterare la memoria riguardo una particolare situazione manipolando le cellule generate nel cervello – ha spiegato Amelia Eisch, una delle autrici – questo ci puo’ aiutare intanto a capire perche’ le persone reagiscono in maniera cosi’ diversa tra loro allo stress”. I ricercatori hanno esposto alcuni topi a emozioni negative mettendoli in una gabbia con topi piu’ aggressivi per 5 minuti al giorno, testando in seguito la loro suscettibilita’ allo stress. Entrambi i tipi di cavia hanno mostrato la stessa produzione di nuove cellule subito dopo l’evento negativo, ma a distanza di poche settimane quelli che si erano mostrati piu’ stressati ne avevano molte di piu’.
AGI - Salute

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi