Il cervello, invecchiando, dimin…

Con l'invecchiamento i ca…

Il 9 febbraio si celebra la 1° G…

Roma, 6 febbraio 2015 – I…

Terapie per la fertilità non min…

Le terapie per la fer…

Pillola del giorno dopo è contra…

La pillola del giorno dop…

Infarto del miocardio: uomini pa…

Rispetto alle donne, gli …

Chirurgia bariatrica: non compor…

''Le operazioni di chirur…

Autismo: la fretta della diagnos…

Una diagnosi di autismo s…

Scoperta proteina blocca tumore

[caption id="attachment_5…

Tecniche imaging per predire la …

Tecniche di imaging avanz…

Lo spermatozoo che incontra l'ov…

Scienziati Usa fotografan…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori: antiossidanti validi in pazienti oncologici, per stimolare sistema immunitario

Sostanze antiossidanti per stimolare la reazione immunitaria dell’organismo e migliorare la qualita’ di vita del malato di tumore. Se ne e’ parlato oggi all’Istituto dei Tumori di Milano (Int) nel convegno su ‘Stress ossidativo e infiammazione nel malato oncologico’ che ha visto la partecipazione del Nobel Luc Montagnier. Continua a leggere questa notizia

”Perche’ si formino e crescano i tumori – spiega Marco Pierotti, direttore scientifico dell’Int – devono esserci dei danni al Dna e alcuni di essi sono legati a stress ossidativo, ma necessitano anche di un particolare microambiente per svilupparsi e diffondersi. L’infiammazione fornisce questo particolare microambiente”.

Un meeting, quindi che ha discusso soprattutto sugli antiossidanti come nuove cure collaterali per fare star meglio il malato di tumore, ma non ha trascurato ”concetti secondo cui – come afferma il responsabile scientifico dell’incontro, Alberto Laffranchi – stress ossidativo e microambiente possono creare una situazione nella quale la cellula si trasforma, creando una situazione a rischio di formazione tumorale”.

Entra piu’ addentro Leonello Milani, vicepresidente dell’ Associazione medica italiana di omotossicologia: ”Lo stress ossidativo e’ – dice – una condizione importante che puo’ danneggiare singole molecole, come proteine e lipidi della membrana cellulare, danni che diventano allertanti anche a distanza e coinvolgono molta parte dell’ organismo, che reagisce appunto con l’infiammazione”.

Secondo Milani, certe sostanze fisiologiche note come favorenti l’infiammazione, a basse dosi possono ottenere un controllo antinfiammatorio di qualita’, senza gli effetti collaterali negativi dei farmaci antinfiammatori tradizionali. E nel corso dell’incontro sono state approfondite possibilita’ di cura delle infezioni croniche, ricorrenti nei pazienti oncologici, che vanno al di la’ della terapia antibiotica ma tengano conto della reattivita’ immunitaria del malato.

”Sono tutti nuovi orientamenti dell’oncologia – conclude Laffranchi – studiati dal gruppo di studio Meteco (Medicine e Terapie Complementari in Oncologia) con metodo scientifico e con sperimentazioni approvate dal comitato scientifico e dal comitato etico dell’Istituto dei Tumori”.
Ansa

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!