Dal Congresso Co.r.te.: con Bion…

Studio dell’equipe del pr…

Scoperto il punto debole delle c…

LE CELLULE tumorali hanno…

Fumo: dai pneumologi un secco "n…

BPCO, ovvero broncopn…

Neuroimaging, Terapia Neurochiru…

Roma, 29 aprile 2014 – In…

[Telethon] Distrofia di Duchenne…

La lotta alla distrofia d…

Cadmio presente in fertilizzanti…

Il cadmio, metallo tossic…

Setticemia nei prematuri: al San…

[caption id="attachme…

Cancro: un agente che sopprime l…

Scienziati testano gli ef…

Leucemia linfoblastica acuta: un…

[caption id="attachment_1…

Nuova tecnica per resezioni di f…

[caption id="attachment_9…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Un ormone che si crede prevenga l’invecchiamento, adesso e’ associato a maggior rischio cancro

Negli uomini anziani alti livelli dell’ormone Igf-1, che si crede prevenga l’invecchiamento, sono associati ad un maggiore rischio di morte per cancro. Lo afferma uno studio pubblicato dal Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism (JCEM). L’ormone Igf-1 e’ simile strutturalmente all’insulina, ed e’ regolato nel corpo dall’ormone della crescita (Gh). I livelli di entrambi calano drasticamente con l’avanzare dell’eta’, al punto che si pensa abbiano un ruolo nel peggioramento delle condizioni di salute e che talvolta il Gh viene prescritto agli uomini anziani.


Nello studio i ricercatori dell’Universita’di San Diego hanno usato i dati di 633 uomini sopra i 50 anni, seguiti dal 1988 al 2006, verificando che un livello di Igf superiore a 100 ng/ml e’ legato ad una probabilita’ doppia di morte per cancro rispetto ai soggetti con valori piu’ bassi. ”Questo studio dimostra che l’aumento del rischio non e’ spiegato da differenze in eta’, massa corporea, stile di vita o familiarita’ con i tumori – ha spiegato Jaqueline Major, che ha coordinato la ricerca – se il risultato sara’ confermato in altre popolazioni il livello di Igf potrebbe essere un ottimo indicatore per le diagnosi”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi