Un singolo test del sangue per i…

Scienziati creano un nuov…

AIFA presto col concept paper su…

'Stiamo predisponendo un …

Il coinvolgimento degli astrocit…

[caption id="attachment_7…

Fratture vertebrali in aumento, …

L'indebolimento della str…

CNR: un microchip organico per r…

Una ricerca del Cnr p…

Test delle ghiandole salivari pe…

Le proteine anomale assoc…

Identificati i geni alla base de…

[caption id="attachment_6…

Carenza di piastrine: dal 2010 u…

Dai primi del 2010 sara' …

DAL PACEMAKER ALLA CARDIOCAPSULA…

Milano, 24 giugno 2015 – …

Alzheimer: arteterapia e sindrom…

Applicata alla demenza,…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Dal Carlo Besta di Milano partiranno i vaccini contro il glioblastoma

L’istituto neurologico “Carlo Besta” di Milano produrra’ vaccini antitumorali per combattere il glioblastoma, il piu’ diffuso tumore al cervello. L’Unita’ Produttiva per Terapie Cellulari (Uptc) della Fondazione ‘Besta’, infatti, ha ottenuto l’autorizzazione da parte dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) per la produzione di ‘farmaci cellulari’ per uso clinico sperimentale divenendo la prima officina farmaceutica in una struttura monospecialistica in ambito neurologico.

Si tratta della produzione di vaccini anti-tumorali per uso autologo, ovvero utilizzabili solo dallo specifico donatore delle cellule con cui il vaccino e’ stato realizzato. Tali vaccini verranno usati per il trattamento del tumore cerebrale maligno piu’ frequente, il glioblastoma multiforme, nell’ambito di due sperimentazioni cliniche approvate da Aifa e coordinate dal dottor Gaetano Finocchiaro, direttore del Dipartimento di neuro-oncologia e della Unita’ operativa neurologia 8-neuro-oncologia molecolare. “Dopo l’intervento chirurgico – spiega Finocchiaro – il trattamento con radioterapia e chemioterapia, il glioblastoma tende a riformarsi, a recidivare. In queste condizioni non esiste al momento un trattamento la cui efficacia sia condivisa da tutti gli specialisti che agiscono in ambito neuro-oncologico. La vaccinazione anti-glioblastoma a cui lavorera’ la Uptc, e’ basata sull’uso di cellule dendritiche (DC), cellule molto potenti del nostro sistema immunitario che sono presenti nel sangue periferico”. La procedura di vaccinazione e’ stata inizialmente verificata in sperimentazioni su modelli animali, coordinate dalla dottoressa Serena Pellegatta, e poi utilizzata in esperienze cliniche preliminari al Besta, con risultati incoraggianti. “Al momento – conclude il dottor Eugenio Parati – e’ in corso una sperimentazione negli Usa, coordinata dalla dottoressa Linda Liau della University of California Los Angeles. La sperimentazione che inizia al Besta si affianchera’ a questa”.

AGI – Salute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: