Crioconservazione staminali: in …

[caption id="attachment_6…

Distrofia facio-scapolo-omerale:…

Uno studio finanziato da …

La Stimolazione Magnetica Transc…

[caption id="attachment_6…

Bambini sovrappeso: a rischio la…

Studio del Bambino Gesù d…

Fibrosi polmonare idiopatica: n…

Disponibile anche in Ital…

Intervento di ablazione ventrico…

Nuovo passo avanti de…

Il meccanismo che decide la fine…

I ricercatori del Sanford…

Risolta la struttura del coleste…

La struttura del colester…

“Diabete di tipo 1: approfondime…

Milano 12 Ottobre 2011 - …

Aggiornamento della scheda tecni…

Protezione del rischio ic…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Emofilia: terapia farmacologica ‘rivestita’ di estratti vegetali la rende piu’ tollerabile

Un rivestimento a base di estratti vegetali geneticamente modificati potrebbe consentire, a chi soffre di emofilia, di tollerare la terapia farmacologia. È quanto emerge da uno studio pubblicato su Pnas dai ricercatori della University of Florida di Gainesville, negli Usa, guidati da Roland Herzog.

La ricerca è stata condotta su un gruppo di topi affetti da emofilia, patologia ereditaria del sangue che ne compromette la coaugulazione e la cicatrizzazione delle ferite, ai quali è stata somministrata una terapia a base di pillole di proteina IX incapsulate con cellule vegetali geneticamente modificate: il rivestimento ha lo scopo di consentirne l’assunzione anche a chi non “tollera” questa proteina, la quale resta, per il momento, l’unica cura in grado di contrastare la malattia, in quanto capace di attivare la coagulazione del sangue.


Dal momento che il sistema immunitario del 25% dei pazienti combatte la terapia scatenando una reazione allergica che può anche condurre alla morte, gli studiosi hanno realizzato queste pastiglie bioincapsulate che, al termine dell’esperimento, si sono rivelate “ben tollerate” dai topi.

Nonostante sia necessaria la sperimentazione sull’uomo, gli esperti sono convinti che il farmaco potrebbe contribuire a migliorare la vita di molte persone affette da emofilia: “Speriamo – afferma Herzog – che la nostra ricerca possa, in futuro, porre le basi per lo sviluppo di terapie migliori e meno costose”. (ASCA)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi