Scoliosi: migliora la terapia co…

Migliorare il rapporto d…

AIFA istituisce gruppo di lavoro…

Il direttore generale del…

Scoperto in America un virus che…

Riduce l'attivita' cognit…

Alla casa di cura Quarenghi di S…

  In media, la terapia r…

Sarcomi dei tessuti molli ad alt…

Straordinari risultati di…

Diabete di tipo 2: livelli di am…

I livelli di alcuni meta…

Farmaco diuretico, il bumetanide…

Un farmaco commercializza…

Patologie umane: 28.000 varianti…

La conoscenza dell'esatta…

Malaria: perché è importante dia…

[caption id="attachment_1…

Coppa Davis: Mundipharma al fian…

Supportato da Mundipharma…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Malaria: da non sottovalutare, mezzo mondo a rischio

Diagramma contagio e infezione malaria

Distribuire ogni anno nei Paesi colpiti dalla malaria oltre 700 milioni di zanzariere, 200 milioni di dosi di farmaci, 1,5 milioni di test per la diagnosi: sono i principali obiettivi che si pone la Giornata Mondiale per la lotta alla malaria che si celebra il 25 aprile, per arrivare, come si e’ prefissata la comunita’ internazionale, a zero morti per malaria nel 2015. Organizzata dalla partnership ‘Roll back malaria’ fra Governi, organizzazioni internazionali e istituzioni di ricerca, la Giornata sara’ l’occasione per cercare di ottenere entro il 2010 le risorse necessarie a sconfiggere questa malattia che minaccia meta’ della popolazione mondiale. Una lotta che richiede entro quest’anno almeno 6,2 miliardi di dollari e dal 2011 al 2020 circa 45 miliardi di dollari. – LE PERSONE COLPITE E LE VITTIME: Come ricorda l’Organizzazione Mondiale della Sanita’, ogni 30 secondi un bambino muore di questa malattia che colpisce oltre 500 milioni di persone ogni anno e ne uccide circa un milione. L’impatto e’ particolarmente pesante in Africa subsahariana, ma e’ preoccupante anche in Asia, America Latina, Medio Oriente e anche in parte dell’Europa. – UNA BATTAGLIA CHE SI PUO’ VINCERE: Anche se colma di sfide, la battaglia contro questa malattia si puo’ vincere, come spiega il parassitologo dell’Istituto Superiore di Sanita’, Giancarlo Majori.


Per prevenire e trattare la malattia oggi sono disponibili strumenti sempre piu’ validi e ogni giorno ne vengono sviluppati, migliorati e testati di nuovi. – FARMACI: ”Disponiamo – spiega Majori – di farmaci anti-malaria sempre piu’ efficaci: come quelli che combinano due principi attivi, un derivato dell’artemisina e un antimalarico tradizionale. E’ in fase di registrazione presso l’Emea, per esempio, un farmaco a base di diidroartemisinina e piperachina”. Ma, precisa Majori, i prezzi di queste terapie sono troppo alti per le popolazioni africane e per farli abbassare il Fondo Globale contro Aids, Tubercolosi e Malaria sta cofinanziando le case farmaceutiche. – VACCINO: Sono allo studio circa ottanta candidati vaccini per la malaria, ma solo uno e’ in fase di applicazione. Si chiama RTS-S e di recente e’ partita la sperimentazione in Africa su 16.000 bambini. Se avra’ successo, questo vaccino potrebbe essere disponibile nel 2012. – ZANZARIERE: Uno strumento importante per la lotta alla malaria in grado di ridurre la mortalita’ del 30% sono le zanzariere trattate con insetticida: ma, spiega Majori ”siamo ancora a meno della meta’ di quelle necessarie”. – PIANO AZIONE GLOBALE CONTRO MALARIA: I leader mondiali hanno messo a punto ‘Il Piano di azione globale per la lotta alla malaria (Gmap)’ che prevede di: raggiungere una copertura universale per prevenzione e trattamento delle popolazioni a rischio entro il 2010; ridurre i casi di malaria del 75% entro il 2015; ridurre i decessi del 50% entro il 2010 rispetto ai livelli del 2000 e arrivare a zero morti prevenibili entro il 2015; eliminare la malaria in 8-10 Paesi entro il 2015 e poi negli altri Paesi. (ANSA).

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x