HIV: ricerca CNR spiega come il …

A pochi giorni dalla pubb…

Il sistema immunitario perde la …

Perche' delle persone sof…

Melanoma: nel potenziale di memb…

Un cambiamento nel potenz…

I pediatri italiani a Balduzzi: …

Un messaggio chiaro dal c…

Il vaccino contro il morbillo, i…

[caption id="attachment_7…

Tumori del seno: è più efficace …

L'ABT-737 è un innovativo…

Chili di troppo che si ereditano…

I chili di troppo si ered…

SIN per la Sclerosi multipla: gr…

SM e gravidanza: da una r…

Rebif® (interferone beta-1a), il…

·         10 anni ded…

Le Società scientifiche della di…

TANTE LE CRITICITÀ E LE C…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Progetto ‘Blue Brain’: il 2030 sara’ l’anno del cervello su computer

Una splendida foto che emula l'intricata matassa delle connessioni sinaptiche

Riprodurre su un gigantesco computer il cervello umano per simularne il funzionamento. Nel 2030 sara’ possibile, la ricerca e’ gia’ cominciata. “Se riusciremo a simulare l’attivita’ del cervello, potremo simulare anche quello che accade quando si ammala. Cosi’ – spiega il responsabile del progetto ‘Blue Brain’, Idan Segev, dell’Universita’ Ebraica di Gerusalemme – ‘curando’ il computer saremo in grado di curare anche l’uomo”. Se ne e’ discusso questa mattina nel corso del convegno sulle nuove frontiere della ricerca sul cervello, ‘The Brain Revolution’, promosso dalla Camera di Commercio di Roma per celebrare i 101 anni del Nobel Rita Levi Montalcini che, salutando l’incontro in collegamento video, ha dichiarato che “gli argomenti trattati rappresentano una vera e propria rivoluzione nella nostra conoscenza del cervello”.

Per replicare il cervello sia nella sua parte anatomica che fisiologica, spiega Segev, coordinatore del progetto, “dobbiamo pensare tre fasi di lavoro: studiare ogni singolo nervo mediante un modello matematico, le connessioni nervose ed infine l’attivita’ elettrica del cervello”. Il ‘supercomputer’, sviluppato da Ibm, e’ lo stesso con cui e’ stata ottenuta la mappa del Dna umano ed il primo passo, continua Segev, “e’ stato organizzare la corteccia cerebrale in colonne: piccoli frammenti che comprendono 10.000 cellule collegate fra loro da miliardi di connessioni chiamate sinapsi, all’interno delle quali si nasconde il segreto della creativita’ e della capacita’ di adattarsi”. “Tra cinque anni contiamo di ottenere il primo modello completo del cervello di topo, poi si passera’ a cervelli sempre piu’ complessi – continua a margine dell’incontro il coordinatore del Blue Brain – come quello del gatto, della scimmia e, nel 2030, finalmente, dell’uomo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: