La dislessia si manifesta anche …

Il disturbo non riguarda …

Un particolare cioccolato che ci…

E' in arrivo un 'supercio…

Dompé annuncia la designazione d…

Il candidato farmaco…

Scienziati trovano una nuova str…

Un team di ricercatori fi…

Disturbi del comportamento alime…

Il Master di primo livell…

La terapia cellulare guarisce u…

[caption id="attachme…

Telethon: potenziale terapia con…

Attivare un sensore capac…

Sindrome Miastenia congenita: ve…

L'individuazione del gene…

Fibre ottiche super, applicate a…

Super fibre ottiche, capa…

Epatite A: preoccupante numero d…

Torna l'epatite A nel…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Testosterone ed estrogeni: una ricerca chiarisce il meccanismo di regolazione comportamento ormoni sessuali


Testosterone ed estrogeni hanno un ruolo essenziale nell’organizzare e attivare schemi comportamentali sesso-specifici negli animali a riproduzione sessuale. Il testosterone attiva direttamente i recettori androgeni (RA) nei tessuti bersaglio, come i muscoli. Gli estrogeni, prodotti principalmente dalle ovaie, sono a mala pena rilevabili nel sangue dei maschi della maggior parte delle specie, ma nei maschi il testosterone può essere convertito in estrogeno a livello cerebrale e questo estrogeno derivato dal testosterone si è dimostrato coinvolto nel controllo di molti comportamenti maschili.

Ora una ricerca condotta da biologi dell’Università della California a San Francisco ne chiarisce alcuni passaggi fondamentali mostrando che il testosterone non è un fattore essenziale per la mascolinizzazione dei circuiti cerebrali.

“Si sapeva che testosterone ed estrogeni sono essenziali per i comportamenti maschili tipici in molte specie di vertebrati. Ma il modo in cui questi due ormoni interagiscono per controllare la mascolinizzazione del cervello e del comportamento restava tutto da determinare”, osserva Nirao M. Shah, che firma con i collaboratori un articolo in merito pubblicato sulla rivista Neuron.

Shah e colleghi hanno scoperto che durante il picco neonatale di testosterone l’espressione di RA nel cervello in sviluppo è estremamente bassa, cosa che rende improbabile che la via di segnalazione del testosterone mediata da AR abbia un ruolo di primo piano nella mascolinizzazione dei circuiti cerebrali.

Successivamente i ricercatori sono ricorsi a un approccio genetico per silenziare l’espressione dei RA nel sistema nervoso dei topi. Hanno potuto così osservare che questi mutanti continuavano a esibire i caratteristici comportamenti maschili di accoppiamento, lotta e marcatura del territorio, ma che tuttavia era una marcata riduzione di alcune componenti di questi comportamenti maschili, relative in particolare alla loro frequenza e intensità. Se ne può dedurre che il testosterone non controlla la differenziazione del cervello e del comportamento in senso maschile, ma ne regola i livelli di espressione.

“Le nostre scoperte, insieme a risultati precedenti, suggeriscono un modello del controllo degli schemi comportamentali maschili in cui l’estrogeno mascolinizza i circuiti nervosi per accoppiamento, lotta e marcatura del territorio, mentre testosterone ed estrogeno generano i tipici livelli maschili di questi comportamenti”, ha concluso Shah.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi