TBC: individuate delle molecole …

Cellule che divorano se s…

Federsalus scende in campo contr…

FederSalus plaude l’azi…

Epilessia: si passa alle stamina…

Le persone affette dalla …

ALZHEIMER, UN NUOVO TEST LO INDI…

[caption id="attachment_1…

Un anticorpo monoclonale contro …

[caption id="attachment_6…

Parkinson: cellule staminali del…

Molti studi effettuati su…

Allarme “neuro-recessione”: il 6…

DAL 22 AL 25 OTTOBRE A TO…

comunicato stampa urologia andro…

Presentata in diretta…

Frutta e verdura in buone quanti…

Mangiare piu' frutta e ve…

L'intelligenza risiede in alcune…

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

La demenza cancella anche il ricordo dei sapori

papille gustative

Nella demanza semantica, che comporta la perdita della capacità di cogliere il significato delle parole, si perde anche la capacità di cogliere il significato dei sapori

In alcune patologie neuro-degenerative si osserva spesso il progressivo manifestarsi di comportamenti singolari in chi ne è colpito. In chi soffre di demenza semantica – una malattia degenerativa che colpisce i lobi temporali del cervello e che è caratterizzata da una ingravescente perdita della capacità di cogliere il significato delle parole, che alla fine coinvolge il significato e la funzione le cose stesse – spesso si nota lo sviluppo non solo di una notevole golosità, ma anche di una preferenza per cibi insoliti o per insolite combinazioni di sapori.


Ora, una ricerca diretta da Katherine Piwnica-Worms della Washington University a St Louis, in Missouri, e da Jason Warren dell’University College di Londra rivela che questo comportamento è legato alla perdita del significato dei sapori.

I ricercatori hanno testato la capacità di questi soggetti di discriminare e identificare sapori confrontandola con quella di un gruppo di persone della stessa età e formazione culturale. Per evitare una differenza di prestazioni legata all’aspetto di ciò che veniva proposto di assaggiare, le preparazioni sottoposte ai soggetti dell’esperimento erano tutte presentate nella forma di gelatine.

Come è illustrato in un articolo pubblicato sulla rivista Cortex, dall’esame dei risultati del test è emerso che i pazienti con demenza semantica erano perfettamente in grado di discriminare sapori differenti, e di indicare se trovavano gradevoli o meno certe combinazioni, e tuttavia avevano notevoli difficoltà a identificare i singoli sapori o a valutare in modo appropriato particolari gusti, come vaniglia o sottaceto.

La ricerca fornisce la prima prova diretta che il significato dei sapori, come quello delle altre cose del mondo, viene colpito dalla demenza semantica, che si configura come una autentica deficienza che investe tutte le modalità della cognizione.

Le Scienze – l’espresso

Archivi