Fibre: trovato l'ingrediente che…

Un nuovo studio ha testat…

Alitosi: 90 percento dei casi da…

Sfatato mito: il 90% dei …

Olio extravergine di oliva: in q…

L'olio d'oliva è un com…

Il dolore cronico costa troppo a…

Grünenthal, Pain Alliance…

Appetito sessuale maggiore: comp…

Possedere un cromosoma in…

La fibrillazione atriale e la co…

La fibrillazione atriale,…

Dalla revisione delle linee guid…

Semplici modifiche al q…

Tumori, cancro e metastasi: ecco…

La ricerca ha prodotto 9 …

Una Stoccata Contro Il Tumore Al…

La campionessa olimpica E…

Cancro al fegato: vaccino vaiolo…

- Un farmaco ottenuto d…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

I meccanismi umani della scelta tra proteine e carboidrati

Se un organismo ha la possibilità di scegliere come alimentarsi, preferirà una dieta che garantisca un bilanciamento nutrizionale in sintonia con le proprie necessità. Questa scelta è stata per la prima volta studiata sperimentalmente nel moscerino della frutta da un gruppo di ricercatori del Buck Institute for Age Research a Novato, in California, che ha scoperto che essa è regolata da un cammino metabolico coinvolto nell’invecchiamento, nel cancro e nel diabete.

“Il modo in cui un organismo bilancia il proprio introito di nutrienti ha un notevole impatto sulla sua salute e sulla sua sopravvivenza”, osserva Pankaj Kapahi – primo firmatario dell’articolo pubblicato su Current Biology in cui viene illustrato lo studio – che ricorda come uno squilibrio nell’assunzione di carboidrati, proteine e grassi sia coinvolto nell’insorgenza del diabete e dell’obesità e influisca sui processi di invecchiamento.

“In questo studio abbiamo definito un modello per rispondere alla domanda sul modo in cui un organismo sceglie fra proteine e carboidrati.”

Lo studio, che è stato condotto sulla drosofila, ha rilevato come i moscerini privati nella dieta o di carboidrati o di proteine mostrino una spiccata preferenza per le sostanze di cui sono deficitari, ma anche che il genere e la loro condizione rispetto all’accoppiamento modificano le scelte alimentari.

In particolare, i ricercatori hanno scoperto che la chinasi S6 – una proteina chiave nella via metabolica della proteina TOR (chinasi della rapamicina,target of rapamycin) che è coinvolta nella percezione dei nutrienti in tutte le specie, dalle piante all’essere umano – influenza anche le scelte della dieta. E’ peraltro noto che TOR ha un ruolo nello sviluppo di cancro e diabete e nei processi di invecchiamento. Lo studio ha anche accertato che cambiamenti nei livelli di serotonina – un neurotrasmettitore che partecipa alla regolazione dell’umore, del sonno, dell’appetito e a diverse funzioni cognitive – influenzano la scelta fra proteine e carboidrati.

Kapahi sottolinea che la ricerca apre le porte allo studio delle scelte alimentari in un animale geneticamente tracciabile e manipolabile, ”permettendoci di porre la questione di quali cambiamenti nel metabolismo e nei processi di invecchiamento siano influenzati dalle scelte alimentari”, soprattutto perché l’uomo condivide con la drosofila le vie di segnalazione biochimica che regolano la nutrizione.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!