Al Tatarella di Cerignola innova…

L’urologia del Tatarella …

Menopausa, esperti a confronto

Il 2° Congresso naziona…

Broccoli: super verdure per mant…

Il merito è della glu…

Pesci vegetariani, i migliori a …

Dare da mangiare verdure …

I neuroni deputati all'apprendim…

Una popolazione di neuron…

Un enzima contro la dipendenza d…

[caption id="attachment_5…

Da invertebrati a vertebrati: co…

In una specie di emicorda…

Paradontiti curate con cellule s…

Denti a rischio caduta pe…

LA FEDERAZIONE MEDICO SPORTIVA I…

La “giusta dose” terapeut…

Aspirina e tachipirina: i più ve…

Tachipirina e aspirina gu…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Oltre allo yogurt, un formaggio probiotico per il sistema immunitario

I probiotici, e non solo quelli contenuti in yogurt e latte, sono già noti per la loro azione benefica nei confronti della flora batterica intestinale, prima avanguardia a difesa dell’organismo.
Tuttavia, non si sapeva ancora nulla sulle possibilità offerte anche dal formaggio probiotico. A colmare questa lacuna ci hanno pensato i ricercatori finlandesi i quali hanno riportato i risultati di un nuovo studio sulle pagine del “FEMS Immunology & Medical Microbiology”.

Il dottor Fandi Ibrahim dell’Università di Turku (Finlandia) ha studiato insieme ai suoi colleghi gli effetti del HN001 rhamnosus e del Lactobacillus acidophilus NCFM. Per questo motivo hanno reclutato un gruppo di anziani di età compresa tra i 72 e i 103 anni (sì, avete letto bene: 103 anni) tutti ospitati presso una casa di cura. Gli arzilli vecchierelli, suddivisi in due gruppi, sono stati invitati a consumare una fetta di pane con formaggio Gouda a colazione per quattro settimane. Quelli del primo gruppo avevano il formaggio addizionato di probiotici, quelli del secondo – il gruppo di controllo – formaggio “placebo” normale.

In seguito gli scienziati hanno eseguito delle analisi del sangue per valutare gli effetti del formaggio sul sistema immunitario dei partecipanti allo studio. Sono stati valutati i parametri relativi all’immunità innata di tutti i partecipanti.
Quello che si è subito evidenziato nelle analisi dei soggetti che avevano assunto il formaggio probiotico è che c’era stato «un chiaro aumento dell’immunità naturale e acquisita attraverso l’attivazione delle cellule NK del sangue e un aumento dell’attività fagocitaria», ha spiegato il dr. Ibrahim.
«Abbiamo dimostrato che l’assunzione regolare di formaggio probiotico può contribuire a rafforzare il sistema immunitario e che anche in una dieta regolare può aiutare a migliorare la risposta immunitaria in una persona anziana nei confronti di una o più problematiche esterne», ha concluso il dr. Ibrahim.
Il prossimo passo sarà quello di comprendere come l’assunzione di questo formaggio probiotico possa tradursi in vantaggi significativi per la salute degli anziani.
La stampa

Archivi