Il botox contro l'incontinenza u…

L’utilizzo della tossina …

Disturbi del pavimento pelvico: …

[caption id="attachment_6…

Arterie "malate" per 6 milioni d…

Circa 2 milioni di italia…

Tumori allo stomaco: botox potre…

Il comune trattamento ant…

La storia del latte e del perché…

[caption id="attachme…

Dopo isterectomia valutare l'asp…

Le donne che si sotto…

Embolia polmonare: nel Lazio rig…

Sabato 11 ottobre a Roma,…

Nanoparticella contro malattie c…

[caption id="attachment_1…

Ossa e cartilagini: ricostruirle…

[caption id="attachment_6…

Alcol e fumo aumentano di venti …

La combinazione tra fumar…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Olio extravergine di oliva: alleato a tavola e non solo

Non e’ solo un protagonista delle nostra tavola, ma un prezioso alleato per la nostra salute: il valore dell’olio extravergine di oliva per la prevenzione di alcune tra le piu’ importanti malattie, tra cui tumori, diabete e malattie cardiovascolari, e’ stato sostenuto anche oggi, ad Arezzo, nel corso del convegno “Olio e salute” che si e’ svolto nell’ambito di Medoliva, la manifestazione internazionale sull’extravergine di qualita’ in corso al Centro fiere e congressi di Arezzo. Organizzato dalla Regione Toscana, attraverso Arsia (l’agenzia per lo sviluppo e l’innovazione in campo agricolo) e Ars l’agenzia regionale di sanita’ il convegno ha permesso di riunire esperti del settore medico e biochimico, ma anche epidemiologi, nutrizionisti e produttori sia per approfondire i l ruolo che questi oli possono assumere nella prevenzione di alcune importanti malattie sia per valutare il conseguente interesse che queste acquisizioni possono avere per il comparto olivo-oleicolo. Numerose ricerche dimostrano che le popolazioni mediterranee si ammalano meno rispetto a quanto avviene nei Paesi dell’Europa del Nord e degli Stati Uniti, e l’olio d’oliva e’ il prodotto che maggiormente contraddistingue l’alimentazione di queste popolazioni, la cosiddetta dieta mediterranea. Questi effetti, si e’ ribadito oggi al convegno, sono gia’ stati studiati a lungo nel campo delle malattie cardiovascolari ma piu’ recentemente e’ stato anche ipotizzato un possibile effetto protettivo dell’olio di oliva nei confronti dell’insorgenza di alcuni tumori e del diabete, e nella prevenzione del declino della funzione cognitiva.

Sospettati degli effetti benefici sono soprattutto i fenoli, potenti sostanze antiossidanti presenti nell’olio, ch e contribuiscono a difendere le nostre cellule dai danni ossidativi e che quindi proteggono i lipidi plasmatici (in questo modo si previene per esempio l’aterosclerosi), e il DNA (queste sostanze sembrano ridurre il rischio delle lesioni ossidative, diminuendo il rischio che si formino cellule tumorali). L’evidenza epidemiologica di una minore incidenza di tumori nelle popolazioni mediterranee (Italia,Spagna, Grecia) che nel Nord Europa, e’ supportata dai risultati di studi sperimentali che mostrano una riduzione del danno ossidativo. Inoltre gli acidi grassi monoinsaturi dell’olio di oliva sembrano avere un effetto protettivo contro il declino cognitivo legato all’eta’ e al morbo di Alzheimer. “In conclusione – ha detto il dottor Domenico Palli, direttore dell’Unita’ operativa di Epidemiologia molecolare e nutrizionale dell’istituto per lo studio e la prevenzione oncologica di Firenze – l’olio di oliva extravergine di alta qualita’ puo’ svolgere un ruolo rilevante nella promozione di abitudini alimentari piu’ corrette e mirate alla prevenzione delle principali malattie cronico-degenerative”.

AGI – Salute

Archivi