Il batterio della salmonella per…

[caption id="attachme…

[F.O.F.I.]La contraffazione si f…

[caption id="attachment_6…

Senza un’informazione più comple…

Roma, 31 agosto 2015 – “I…

Sanità, incontinenza: giunta reg…

Cagliari, 24 gennaio 2014…

Malattie della pelle: dieta medi…

"Molte patologie cutanee …

HIV: scoperto come il virus "att…

Tra le numerose conseguen…

Quando le 'scariche adrenalinich…

[caption id="attachment_7…

TEVA ottiene l'approvazione per …

Trattamento per la leucem…

Ricerca evidenzia correlazioni t…

Circa il 10% di tutte le …

Sindrome Ring14: speranza nella …

Far tornare indietro le c…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Arriva in Italia la molecola contro l’artrite reumatoide

E’ arrivato anche in Italia il capostipite di una nuova classe di farmaci biologici per la cura dell’artrite reumatoide, una molecola con un nuovo meccanismo d’azione in grado di aumentare l’efficacia del trattamento.
Lo hanno annunciato oggi a Roma gli esperti alla vigilia del congresso europeo di reumatologia Eular 2010 che si terra’ in Italia da mercoledi’. La nuova molecola, tocilizumab, e’ un anticorpo monoclonale in grado di bloccare il recettore dell’interleuchina-6, componente che gioca un ruolo centrale nel processo infiammatorio tipico della malattia insieme ad altre proteine tra cui il fattore di necrosi tumorale (Tnf) alfa e l’interleuchina-1.

Il nuovo farmaco, spiegano gli esperti, e’ indicato per i pazienti che non abbiano risposto adeguatamente al trattamento con i farmaci convenzionali, e puo’ essere associato al metotrexate o somministrato in monoterapia. La molecola, ha precisato Maurizio de Cicco, amministratore delegato di Roche Italia, e’ gia’ disponibile in quattro regioni: Lombardia, Marche, Campania e Abruzzo, e oltre ad essere efficace per la remissione rapida e di lunga durata di pazienti adulti con artrite reumatoide da moderata a severa, ha dimostrato di agire anche sugli effetti sistemici della patologia, quali anemia, fatica, irrigidimento delle articolazioni ed erosione delle ossa. Ansa

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!