Ricette di buona salute: Heinz B…

[caption id="attachme…

cellule nervose: nuovi traguardi…

[caption id="attachme…

Aspirina: previene in qualche fo…

L'aspirina puo' abba…

Retinite Pigmentosa: nuove possi…

Losanna, Svizzera – 30 ge…

Ridurre il sale nella dieta: sol…

[caption id="attachme…

Al via il 6° Congresso Nazionale…

Sarà Napoli (Hotel Royal …

Il citoscheletro: ecco come orga…

I movimenti delle protein…

Tonsillectomia contro casi gravi…

La tonsillectomia per…

Cannabis legale: il percorso del…

Sono state pubblicate ier…

Manovra AIFA sui generici: un ta…

Roma, 15 Aprile 2011 - L’…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Nuovo metodo per monitorare trapianto isole pancreatiche

isole pancreatiche, beta-cellule, pancreas

Chi soffre di diabete perde pian piano le beta-cellule, le cellule del pancreas che producono insulina in risposta al glucosio nel sangue. I diabetici di tipo uno, la forma in cui il sistema immunitario del paziente distrugge le beta-cellule, possono in alcuni casi provare a sottoporsi a un trapianto di isole pancreatiche, i micro-organi contenuti nel pancreas dove si concentrano le beta-cellule. Oggi e’ possibile valutare con precisione se l’intervento ha avuto successo dopo che le isole sono state infuse nel fegato: con una semplice risonanza magnetica, infatti, si puo’ vedere dove si localizza il tessuto trapiantato e ripetendo la valutazione si puo’ seguire quando e quanto tessuto viene perso nel tempo.

Ci sono riusciti i ricercatori del Diabetes Research Institute (HSR-DRI) dell’Ospedale San Raffaele di Milano, che durante il XXIII Congresso Nazionale della Societa’ Italiana di Diabetologia, a Padova dal 9 al 12 giugno, hanno presentato i dati preliminari relativi ai primi 4 pazienti trapiantati e poi seguiti attraverso risonanze magnetiche periodiche.
‘Abbiamo coinvolto nella sperimentazione 4 diabetici operati nel corso dell’ultimo anno – spiega Lorenzo Piemonti, Direttore del Programma di Trapianto Isole dell’Ospedale San Raffaele di Milano -. Prima di impiantare le isole pancreatiche le abbiamo marcate con nanoparticelle paramagnetiche di ossido di ferro, che poi possono essere visualizzate alla risonanza magnetica: del tutto innocue, le particelle vengono inglobate dalle cellule in laboratorio, prima del trapianto. Dopo l’intervento, i pazienti sono stati sottoposti a risonanze magnetiche seriali; li valuteremo anche a un anno di distanza’.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x