Record di partecipanti all’edizi…

Anche un team italiano pa…

Lotta alle infezioni, premiata r…

La European Federation of…

Cellule staminali contro distrof…

Quando un danno al tessut…

UNA BUONA RELAZIONE CON LA MAMMA…

Una ricerca dell'IRCCS "E…

Ansia: nuove alternative di trat…

Ricercatori scoprono …

La 'Terapia fotodinamica' che so…

[caption id="attachment_1…

Scoperte nuove cellule del siste…

Scoperta un nuovo gruppo …

Cancro al rene: tre nuovi biomar…

Tre biomarker per una d…

Esofago di Barret: nuovi studi s…

L'incidenza del tumore ne…

Fecondazione assistita accessibi…

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Malaria, esame DNA svela eta’: coetanea homo sapiens

Una malattia antica come l’uomo, forse la più antica al mondo tra quelle ancora in circolazione. La malaria ha tra i 60mila e gli 80mila anni ed è molto più datata di quanto si fosse ipotizzato finora, circa 10mila anni.

Lo ha scoperto un team di ricercatori dell’Imperial College di Londra che ha sottoposto i ceppi della malattia tropicale ad una profonda analisi del Dna. Secondo lo studio, pubblicato su Current Biology, la malattia si sarebbe evoluta insieme all’homo sapiens sapiens e il “salto di specie”, l’adattamento del parassita all’uomo, sarebbe avvenuto quando i nostri antenati hanno abbandonato il continente africano. “I precedenti studi sostenevano che il parassita della malaria si fosse evoluto nelle regioni tropicali a partire dello sviluppo delll’agricoltura – ha affermato Francois Balloux, uno degli autori della nuova datazione -, la nostra tesi è che sia molto molto più antico”.

Per capire quanto “vecchia” sia la malattia che continua ancora oggi a mietere vittime, circa 3 milioni all’anno, e fa contare 230mila nuove infezioni, gli scienziati hanno messo a confronto l’età genetica di uomo e parassita, scoprendo che i segni del tempo erano paragonabili, compresi tra i 60 e gli 80mila anni fa. “Questi nuovi dati sono importante – ha spiegato ancora Balloux – perché, nonostante la prevalenza e l’impatto mortale della malaria poca ricerca è già stato fatto per capire la variabilità genetica del parassita. La diversità genetica dei parassiti della malaria è fondamentale per la loro minaccia in quanto aiuta a superare il sistema immunitario e di sviluppare la resistenza ai farmaci, rendendo questa ricerca vitale di informare e di nuove strategie di controllo più efficaci”. (ASCA)

1
Lascia una recensione

avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
Quaderni socialisti Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
trackback

[…] on 18 giu, 2010 and filed under biologia. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry  […]

Archivi