Cellule staminali per la ricostr…

Per ora e' un sogno: cost…

Avocado: elisir contro chili di …

E' un frutto indispensabi…

Cervello: dopamina riduce impuls…

Innalzare i livelli del n…

Apnea notturna e i rischi di ict…

Le persone che soffrono d…

[Cordis] Buone notizie per i gio…

Secondo una nuova ricerca…

Calcoli renali: abuso di bevande…

Bere bibite gassate e…

Menopausa: cure sì, ma mirate

In occasione della gior…

Cellule tumorali morenti usano l…

La proteina chiamata PARC…

Dal MIT: silenziare 'i promotori…

[caption id="attachment…

La rete europea LeukemiaNet agev…

I ricercatori europei con…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

HIV: tre nuovi anticorpi combattono quasi la totalita’ dei genotipi di virus

Sono stati identificati tre nuovi anticorpi che riescono a neutralizzare fino al 91% dei ceppi di Hiv. La scoperta, pubblicata questa settimana su Science da un gruppo di ricerca guidato da Xueling Wu dell’Istituto Nazionale della Sanita'(Nih) degli Stati Uniti, potrebbe, secondo gli autori, aiutare a sviluppare efficaci vaccini contro il virus dell’Hiv nonche’ nuove cure per combattere l’Aids. I tre anticorpi, chiamati VRC01, VRC02, VRC03, non hanno tutti la stessa efficacia, solo i primi due riescono a contrastare il 91% dei ceppi di Hiv-1, il terzo ne contrasta il 57%. Essi sono stati isolati nel sangue di una persona infettata dal virus ma secondo i ricercatori sono presenti nel sangue di molte altre persone infettate dall’Hiv.

Il segreto dell’efficacia dei due anticorpi piu’ potenti, VRC01 e VRC02, e’ in un nuovo dispositivo molecolare usato da queste due proteine. Inoltre, analizzando la struttura dell’anticorpo VRC01 mentre era legata al virus, un altro gruppo di ricerca coordinato da Tongqing Zhou sempre del Nih ha scoperto che l’anticorpo riesce a neutralizzare il 91% dei ceppi di Hiv perche’ attacca un luogo del virus comune a tutti questi ceppi. ”Queste scoperte costituiscono importanti passi in avanti per la ricerca e ci aiuteranno ad accelerare i nostri studi per prevenire l’Hiv su scala globale” ha osservato Anthony Fauci, direttore dell’Istituto di allergie e malattie infettive del Nih. ”Inoltre – ha aggiunto – la tecnica usata dai ricercatori per identificare questi nuovi anticorpi costituisce una nuova strategia che potrebbe essere applicata per la progettazione di vaccini per molte altre malattie infettive”. (ANSA).

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!