Mario Giaccone (Lista Chiamparin…

“Le dichiarazioni sulle l…

Calvizie: ricercatori internazio…

Un team di ricercatori in…

Tumori alla laringe: con il fumo…

[caption id="attachment_7…

Innovativo intervento di vertebr…

TERMOLI (CAMPOBASSO), 18 …

Giornata Mondiale dell’Osteoporo…

Ospite dell’azienda il pr…

Trapianti: gli anticoagulanti ut…

I farmaci che prevengono …

Alimentazione: maggior assunzion…

[caption id="attachment_6…

Fegato in cirrosi rigenerato da …

[caption id="attachment_…

Asma: un quarto degli attacchi p…

Il 25 per cento degli att…

Percezione del corpo e memoria: …

Un nuovo studio del Karo…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

L’osservatorio Federsalus lancia il decalogo Sano Stile di Vita

Per gli abitanti del Bel Paese, affetti da sregolatezza alimentare, vita sedentaria e cattive abitudini, l’Osservatorio FederSalus lancia le linee guida per un sano stile di vita

Gli Italiani si riscoprono “fuori forma”. Per la maggior parte dei dietologi, nutrizionisti e psicologi la causa principale sono i comportamenti e le abitudini contrari ad uno stile di vita adeguato. Se l’obesità nel nostro Paese, infatti, è cresciuta del 25% negli ultimi 5 anni, con oltre 16 milioni di persone sovrappeso e 5 milioni di obesi, tra cui un bambino su 4 tra i 6 e i 17 anni, solo un esperto su 5 ritiene che gli italiani pratichino sport in maniera adeguata e regolare. Insomma, l’Italia si è trasformata in una società troppo spesso sedentaria e poco attenta all’alimentazione, causando dei rischi per il proprio benessere secondo il 69% degli esperti intervistati la prima conseguenza è l’obesità, per il 47% l’aumento di malattie di tipo cardiovascolare, per il 41% il diabete e per il 39% l’ ipertensione.

È quanto emerge da uno studio dell’Osservatorio FederSalus (l’associazione che riunisce le principali aziende italiane produttrici di prodotti salutistici), condotto su un pool di esperti tra nutrizionisti, psicologici, dietologi e medici generici.

“Lavoro e impegni pressanti, costringono sempre più italiani a non osservare comportamenti e abitudini di vita sane ed adeguate. A lungo andare, però, le conseguenze possono essere devastanti per il proprio benessere: da un diffuso senso di spossatezza generale, all’insorgenza di patologie gravi – spiega Germano Scarpa, Presidente di FederSalus – È per questo che abbiamo dato forma ad un Decalogo, pubblicato sul sito http://www.sanostiledivita.it, creato proprio per promuovere l’adozione di un Sano Stile di Vita, attraverso cui guidare gli italiani con consigli, pareri e indicazioni dei migliori esperti dei diversi settori. Oggi risulta fondamentale, infatti, favorire lo sviluppo negli italiani di una consapevolezza e di un’assunzione personale di responsabilità nei confronti del proprio benessere”.

Le cattive abitudini alimentari sono alla base di uno stile di vita considerato non sano: un uso smodato di grassi e sale sono l’abitudine più diffusa dagli italiani

Per il 68% degli esperti un’alimentazione non equilibrata si può attribuire alle mode alimentari importate dall’estero che vedono una sovrabbondante assunzione di zuccheri, fritture e poche verdure e fibre. Per una corretta alimentazione, invece, è sufficiente un equilibrato apporto di proteine (15%), grassi o lipidi (25-30%), zuccheri o carboidrati (55-60%) e vitamine. Basterebbe, infatti, seguire la Dieta Mediterranea: “Il modello alimentare che nel corso degli anni è andato a definirsi – spiega Nicola Sorrentino, Nutrizionista e Docente di Igiene nutrizionale e Crenoretapia presso l’Università degli Studi di Pavia – è quello mediterraneo di cui sono riconosciuti i suoi benefici sulla linea e sulla salute”.

Spazio, dunque, al consumo di frutta e verdura (89%), ideali per la loro attività antiossidante e le loro componenti, che aumentano le difese immunitarie. Attenzione, invece, ai grassi saturi e all’olio (78%), preferendo quelli vegetali. In una alimentazione equilibrata – afferma Armando Papetti, specialista in medicina aeronautica e spazialel’apporto energetico dei lipidi deve essere distribuito del 6-7% in grassi saturi, considerati i veri nemici delle arterie, 14-16% in grassi monosaturi, contenuti in buone quantità negli oli vegetali, come in quello di oliva”. Particolare moderazione, infine, nell’uso di sale dove gli italiani abusano con 10 grammi pro capite al giorno contro i 5 consigliati, e zucchero.

Gli esperti consigliano una regolare attività fisica e tanta acqua.

Ecco il segreto per uno Sano stile di vita facile da ritrovare

Ma gli italiani non devono solo “risolvere” il difficile rapporto con la tavola. Gli esperti ritengono che non si pratichi abbastanza sport e che imparare a praticare una costante attività fisica sia uno dei primi rilevatori di un sano stile di vita. Se non è mai troppo tardi per iniziare una regolare attività fisica, anche di lieve entità, in grado di favorire il benessere fisico (75%) e le relazioni sociali (72%), la costante pratica motoria diventa la premessa principale per limitare le cattive abitudini di vita (68%) che concorrono ad incrementare i rischi di inefficienza fisica. “L’attività più semplice è camminare a piedi, 5 minuti per una persona molto sedentaria e di età avanzata per 3/4 volte al giorno (di prima mattina, prima di pranzo, metà pomeriggio e prima di cena) e mai dopo i pasti o altrimenti un’ora e mezza/due ore dopo – dichiara il Professor Andrea Strata, docente di Nutrizione Clinica presso l’Università di Parma – Gradualmente, ogni 3/4 giorni si può aumentare di 3 minuti ogni camminata, fino a raggiungere un tempo standard di 15/20 minuti ogni volta”. Un Sano Stile di Vita, infatti, prevede almeno 30-60 minuti al giorno di attività fisica di intensità lieve-moderata.

Imprescindibile il consumo giornaliero di almeno due litri di acqua (91%) l’equivalente dei litri di liquido persi quotidianamente, così da favorire la depurazione del sangue (67%) e agevolare il lavoro dei reni (74%). Al contrario, va tenuto sotto controllo l’uso di bevande alcoliche. L’abuso di alcool (86%), infatti, è in grado di provocare una serie di danni a vari sistemi (nervoso, apparato digerente, fegato, ecc.) e la dose consigliata, per chi beve normalmente, è di due-tre bicchieri per l’uomo (65%), uno-due per la donna (61%), uno solo per gli anziani (52%). “Un grammo di alcool – afferma il Professor Nicola Sorrentino – fornisce circa 7 calorie, un bicchiere di vino contiene 12 grammi di etanolo, il cui consumo eccessivo può essere nocivo, e corrisponde a 90 calorie circa, con danni alla linea e alla salute”. Completamente al bando, infine, il tabacco. “Nei Paesi a più alto reddito – spiega Francesco Schittulli, Presidente nazionale Lega Italiana per la lotta contro i tumori – il tabacco è stato riconosciuto responsabile del 30% di tutti i tumori, nell’85% dei casi di quello al polmone. Il tabacco influisce anche sulla debolezza corporea: la pelle e i denti ingialliscono, le rughe si formano più rapidamente, i capelli perdono lucentezza, incombe una sgradevole alitosi. È utile, dunque, per un sano stile di vita, buttare la sigaretta nel cestino in maniera definitiva”.

Dagli esperti dell’Osservatorio FederSalus ecco il Decalogo da seguire per un Sano Stile di Vita

Un vero e proprio decalogo da seguire per vivere con cui è possibile guadagnare in salute ed energia, con semplici accorgimenti da applicare giorno per giorno.

1.Mangiare frutta e verdura: sono l’ideale per la loro attività antiossidante e le loro componenti, hanno proprietà benefiche che aumentano le difese immunitarie.

2.Bere acqua: Medici e nutrizionisti consigliano di bere almeno due litri d’acqua al giorno: questo perché sono circa due i litri di liquido che attraverso l’urina, il sudore e il respiro eliminiamo quotidianamente. L’acqua fa lavorare di meno i reni. Tra i benefici maggiori, dunque, la depurazione del sangue.

3.Moderare grassi saturi e olio: è necessario limitare il consumo di grassi in genere, in particolare quelli di origine animale, utilizzando cotture che aiutino a limitare le quantità di quelli aggiunti (cucinando al cartoccio, al vapore, al microonde). E’ consigliabile anche scegliere oli vegetali e tagli di carne magri.

4.Moderare l’uso di sale: un suo consumo smodato è dannoso all’organismo e può favorire l’ipertensione arteriosa. La dose giornaliera consigliata è di 5 grammi: gli italiani invece, in media, tendono a consumarne 10 grammi pro capite al giorno.

5.Moderare l’uso di zucchero: lo zucchero bianco iper-raffinato provoca a livello intestinale processi fermentativi con produzione di gas, tensione addominale ed alterazione della flora batterica. L’eccessivo abuso dello zucchero favorisce danni all’organismo a livello circolatorio, epatico, pancreatico e cutaneo.

6.Non è mai troppo tardi per una regolare attività fisica: la regolare attività sportiva, anche di lieve entità, si rivela un perfetto strumento per migliorare le condizioni di benessere fisico, favorendo anche le relazioni sociali.

7.Praticare attività sportiva il più spesso possibile: la costante pratica di attività motoria diventa la premessa principale per limitare le cattive abitudini di vita che concorrono ad incrementare i rischi di inefficienza fisica.

8.Un Sano Stile di Vita prevede almeno 30-60 minuti al giorno di attività fisica di intensità lieve moderata: anche se l’esercizio è leggero, deve comunque sottostare a regole e tempistiche. La prima, fondamentale, è di iniziare gradualmente con esercizi moderati e proporzionati alla propria condizione fisica e, una volta raggiunto un equilibrio, mantenere una media di 30-60 minuti, in modo da bruciare un numero adeguato di calorie.

9.Non fumare: uno dei maggiori benefici si traduce con una diminuzione delle patologie respiratorie e cardiache, oltre ad aumentare la resistenza fisica, una maggiore concentrazione e un sonno più regolare.

10. Bere alcol in misura moderata: assunto con moderazione può essere considerato uno dei piaceri della tavola, ma è importante non eccedere poiché l’etanolo, componente fondamentale del ‘nettare degli Dei’, può essere nocivo. Un grammo di alcool fornisce 7 calorie circa, un bicchiere di vino contiene 12 grammi di etanolo e corrisponde a 90 calorie circa. La dose consigliata è due-tre bicchieri, da consumarsi in corrispondenza dei pasti. L’abuso cronico provoca danni al sistema nervoso, all’apparato digerente e al fegato.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!