Somministrazione Di Psicofarmaci…

20 novembre, in occasione…

LA COMMISSIONE EUROPEA CONCEDE L…

– Vemlidy® è il primo nuo…

Gioco di donna: gli ormoni la re…

Stregato dall’ormone. Ecc…

Cellule staminali contro il morb…

Nuovo passo avanti nell'u…

L'ormone di salute e sazietà nel…

Ricercatori in Svezia han…

Oltre 290 mila siciliani affetti…

Seconda tappa della road …

Osteoporosi: TAC addominale potr…

La Tac addominale ch…

Tumori: nuova terapia anti-neuro…

Il trucco e' unire la rad…

Un Cannabinoide, molecola del pi…

Il tartufo, in particolar…

Trisomia: aumentano i rischi di …

I bambini con sindrome d…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

L’importanza delle fibre per la sopravvivenza della flora batterica

Una dieta povera di fibre non favorisce lo sviluppo di una flora intestinale capace di difendere l’organismo da agenti patogeni aggressivi. Lo ha scoperto un ricercatore italiano, Paolo Lionetti, dell’Universita’ di Firenze, che ha pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences (Pnas) i risultati delle sue analisi. Il ricercatore fiorentino ha analizzato nel dettaglio la composizione della flora batterica intestinale di bambini italiani, che si nutrono con una dieta di tipo ‘occidentale’, con quella dei bambini del Burkina Faso, la cui dieta e’ piu’ ricca di vegetali e cereali.

I risultati raggiunti hanno evidenziato una differenza sostanziale tra i due gruppi: in quelli del Burkina c’e’ una maggiore presenza di acidi grassi dalla catena corta, almeno tre volte di piu’ di quelli riscontrati nella flora batterica dei bimbi italiani.
Questi acidi sono determinanti per favorire la lotta contro agenti patogeni come, per esempio la salmonella e sono prodotti da un particolare gruppo di batteri.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi