La sport-terapia per i mielolesi…

Al Centro Spinale Riabili…

AIDS: Laboratorio virtuale per a…

[caption id="attachment_…

Depressione e livelli ematici di…

Chi soffre di depressione…

Infarto: molecole come il NGF po…

Possono curare anche mala…

Alcol: dimostrato legame con ins…

A trent'anni di distanza…

Lieviti e infezioni: nuove cure …

Alcuni ricercatori coordi…

Scoperto il network molecolare c…

[caption id="attachment_5…

Eiaculazione precoce: a Salerno …

In occasione del 13° Cong…

Parte da Roma il progetto ADIPSO…

[caption id="attachment_4…

No Smoking be Happy, la 'app' de…

Un aiuto virtuale a chi h…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

L’importanza delle fibre per la sopravvivenza della flora batterica

Una dieta povera di fibre non favorisce lo sviluppo di una flora intestinale capace di difendere l’organismo da agenti patogeni aggressivi. Lo ha scoperto un ricercatore italiano, Paolo Lionetti, dell’Universita’ di Firenze, che ha pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences (Pnas) i risultati delle sue analisi. Il ricercatore fiorentino ha analizzato nel dettaglio la composizione della flora batterica intestinale di bambini italiani, che si nutrono con una dieta di tipo ‘occidentale’, con quella dei bambini del Burkina Faso, la cui dieta e’ piu’ ricca di vegetali e cereali.

I risultati raggiunti hanno evidenziato una differenza sostanziale tra i due gruppi: in quelli del Burkina c’e’ una maggiore presenza di acidi grassi dalla catena corta, almeno tre volte di piu’ di quelli riscontrati nella flora batterica dei bimbi italiani.
Questi acidi sono determinanti per favorire la lotta contro agenti patogeni come, per esempio la salmonella e sono prodotti da un particolare gruppo di batteri.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!