Tumori: una proteina in grado di…

Il corpo possiede una sor…

Tumore al seno: una donna su cin…

Forse è la paura inco…

AIFA istituisce gruppo di lavoro…

Il direttore generale del…

Nuovi dati su nintedanib ne dimo…

• Risultati ad int…

NASCE LA COMMUNITY DEGLI #HYPOHE…

Milano, 14 novembre 2016 …

Neuromodulazione, trattamento ch…

36° CONGRESSO NAZIONALE L…

Fecondazione assistita: sdraiate…

Dopo un'inseminazione art…

Il costo energetico del sistema …

[caption id="attachment_8…

Una lipoproteina, 'grassa' nemic…

[caption id="attachment_5…

Vitamina C: si dimostra in grado…

[caption id="attachment_5…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Filmata la reazione chimica che ci permette di ‘vedere’

Successo made in Italy, ora possibile conoscere in dettaglio i processi chimici innescati dalla luce
ROMA – E’ stato realizzato in Italia il primo film molecolare della reazione chimica (tra le più rapide finora note) innescata dalla luce e alla base della vista umana. Il risultato, pubblicato su Nature, parla in gran parte italiano e dimostra che è possibile conoscere in dettaglio i processi chimici innescati dalla luce.

“Il nostro prossimo obiettivo è verificare se questo stesso processo avviene nella molecola della vita, il Dna”, ha detto il fisico Dario Polli, del Politecnico di Milano e primo autore della ricerca, coordinata da Giulio Cerullo, del dipartimento di Fisica del Politecnico di Milano e dell’Istituto di Fotonica e Nanotecnologie del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Ifn-Cnr), e dal Marco Garavelli, del dipartimento di Chimica “Giacomo Ciamician” dell’università di Bologna. Si potranno anche studiare a livello molecolare i meccanismi che regolano la crescita delle piante e il comportamento di alcuni batteri che sfruttano la luce.

Le applicazioni possibili sanno di fantascienza. Capire questi meccanismi molecolari potrebbe significare, in futuro, “riuscire a progettare congegni molecolari artificiali, come sensori di luminosità, motori molecolari che si attivano con la luce e, in un futuro ancora più lontano, molecole artificiali che riproducono il comportamento della retina”, ha osservato Garavelli. Alla ricerca hanno partecipato l’università tedesca di Duisburg-Essen e l’istituto Max Planck di Mulheim an der Ruhr, l’università californiana di Berkeley e quella britannica di Oxford.
(ANSA)

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi