(ASCA) Arriva in farmacia un nuo…

L'ENEA, ''a fronte de…

Tamiflu: dopo esperienza contro …

[caption id="attachment_9…

Obesità dei 30-40 anni triplica …

Il sovrappeso e l’obesità…

La malaria richiede nuovi strume…

[caption id="attachment_8…

Epatologia: più fibre e meno zuc…

Una ricerca dell'European…

Carcinoma ovarico: poco conosciu…

Arriva senza farsi sentir…

Alzheimer, un'iniezione a settim…

Un'iniezione settimanale …

Paracetamolo: le complicanze che…

Fare ricorso al paracetam…

Alzheimer: nei casi ereditari si…

Scienziati della Was…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Le mandorle e il loro benefico ruolo sulla pulizia delle arterie

Una manciata di mandorle e il colesterolo va giù. Ne sono convinti ricercatori americani della Tufts University di Boston che hanno esaminato l’effetto antiossidante della frutta a guscio, capace di “spegnere” due marcatori dello stress ossidativo associati al colesterolo alto. Per provarlo hanno sottoposto 27 persone, uomini e donne, a tre diversi regimi alimentari in un primo studio pubblicato sul Journal of Nutrion al quale stanno facendo seguire ulteriori analisi.

I soggetti che hanno consumato la dose completa di mandorle (73 grammi) risultavano più protetti dai grassi che danneggiano le arterie: a indicarlo la quantità di malondialdeide plasmatica (MDA), che risultava attenuata del 19%, e i livelli di isoprostani urinari, ridotti del 27% rispetto all’inizio del trattamento.

L’azione benefica, spiegano i ricercatori, nasce dai nutrienti anti-radicali liberi, la vitamina E e, soprattutto, dai flavonoidi, composti polifenolici comuni a molti tipi di frutta a guscio, mandorle e noci comprese. Agiscono come “spazzini” dei radicali liberi, e giocano un ruolo essenziale contro le malattie, mantenendo sano il cuore e svolgendo anche un’azione anti-infiammatoria. (ASCA)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi