Localizzata un’area del cervello…

Si trova nella corteccia …

Ogni cervello ha un network, ogn…

Per evitare ingorghi e st…

Scienziati ottengono precursori …

Partendo da cellule stami…

Fumo attivo, passivo e di "terza…

[caption id="attachment_5…

Il "lato buono del colesterolo" …

Una dieta ricca di colest…

Cellule epatiche da staminali ot…

Un team di scienziati bri…

Donazione e conservazione cordon…

[caption id="attachme…

Cellule staminali nei topi in gr…

Gli scienziati della …

I successi e traguardi scientifi…

[caption id="attachment_1…

Parte il test del progesterone n…

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il meccanismo cellulare di difesa contro raggi UV

Ecco in che modo la pelle si protegge dai raggi Uv piu’ nocivi: il meccanismo di protezione e’ legato a una proteina, la Exo1, che individua le lesioni piu’ pericolose e attiva i cosiddetti ‘checkpoint’, i meccanismi che sorvegliano il ciclo cellulare. La scoperta e’ di un gruppo di ricercatori dell’Universita’ degli Studi di Milano e sara’ pubblicata domani sulla rivista Molecular Cell.

Lo studio e’ stato coordinato da Marco Muzi Falconi e Paolo Plevani grazie a fondi dell’Associazione italiana per la ricerca sul cancro (Airc) e di Telethon, e ha permesso di capire i meccanismi cellulari alla base delle lesioni al Dna provocate dai raggi Uv, comprese le piu’ gravi: una scoperta importante, dato che questi meccanismi svolgono un ruolo determinante nella difesa dai tumori.

Se le radiazioni Uv sono limitate, precisano i ricercatori, un esercito di proteine interviene per eliminare il Dna danneggiato e sostituirlo con una nuova copia, in modo da far sopravvivere la cellula. Quando invece il livello di raggi Uv assorbito e’ troppo elevato, intervengono i ‘checkpoint’ che, bloccando temporaneamente il ciclo cellulare, consentono alla cellula piu’ tempo per riparare il Dna. I ‘checkpoint’ sono dunque una sorta di barriera contro la formazione dei tumori, e il loro malfunzionamento e’ una caratteristica comune delle cellule tumorali.

”Sono molte le patologie legate ai danni provocati dai raggi del sole – commenta Falconi – e conosciamo molti dei geni responsabili, ma comprendere come lavorano nello specifico le proteine da loro codificate puo’ aiutarci nella prospettiva di applicazioni legate alla prevenzione di varie malattie, tra cui i tumori”. (ANSA).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: