Cellule staminali umane embriona…

La tecnica di produzi…

Tumori associati alla menopausa …

[caption id="attachme…

Chiesi Farmaceutici sostiene la …

Chiesi Farmaceutici s…

Cancro: nuovo farmaco italiano c…

Sfruttare la "fame" d…

Testosterone contro andropausa, …

Il buon umore, la fertili…

Un test innovativo per i tumori …

Roma, 27 ott. - Parte da …

Lettera Esperti a Ministro Loren…

Riceviamo e pubblichiamo …

Chirurgia minivasiva: una “filos…

A Roma, nell’ambito del C…

Lonquex® (XM22 lipegfilgrastim) …

Il parere positivo del …

Schizofrenia e collegamento con …

Un gruppo di scienziati d…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Escozul: tossina antinfiammatoria e antitumorale. Nessuna prova scientifica, tante speranze

escozul

Analgesico e antinfiammatorio. Ma anche antitumorale. Un altro farmaco miracoloso? Ancora un caso Di Bella? La medicina ufficiale, Oltreoceano e in Europa, smentisce categoricamente, ma intanto il caso Escozul è diventato fenomeno (a parte gli affollatissimi forum di discussione sul web, su Facebook la pagina italiana ha oltre 4mila iscritti) e ha iniziato a provocare migrazioni fra i malati in cerca di cure in campo oncologico. La meta stavolta è Cuba e a motivare i viaggi della speranza, alimentati in Italia da una recente inchiesta televisiva del programma “Le iene”, è una sostanza naturale, una tossina estratta dal veleno di uno scorpione (rophalorus junceus), prodotta e distribuita sull’isola caraibica con il nome, appunto, di Escozul.

LA STORIA: “A CUBA IN FILA QUASI SOLO ITALIANI” 1

A chiamarlo così e a descriverne per primo le presunte proprietà fu nell’85 un biologo cubano, Misael Bordier. Adesso, le potenzialità del farmaco all’attenzione dei ricercatori da oltre vent’anni, sono online sul sito dell’azienda (www. labiofam.cu) che produce e distribuisce vaccini contro le più diffuse malattie infettive, dalla dengue alla malaria, alla febbre emorragica e fino alla peste bubbonica. “Garantiamo il controllo delle epidemie”, si legge nella homepage che dà accesso alle informazioni sui medicinali prodotti dall’azienda.

Tra gli antitumorali figura infatti la “soluciòn de origen natural”, con tanto di fotografia dello scorpione “azzurro” (varietà presente solo a Cuba) da cui viene estratta la tossina terapeutica. Gli scienziati cubani lo ritengono un efficace antidolorifico e antinfiammatorio e, senza sbilanciarsi troppo, lo definiscono pure “adyuvante nel tratamiento del càncer” ancora oggetto di studio. Tanto che nell’ultimo congresso internazionale promosso dalla stessa Labiofam, che si è concluso ai primi di ottobre all’Avana, una sessione specifica è stata dedicata alle “Evidenze sperimentali in colture cellulari del carcinoma della cervice uterina. Effetto citotossico selettivo del veleno di scorpione endemico di Cuba rophalorus junceus”.

Tra tumori del seno, del polmone, del cervello o del colon, l’Escozul sarebbe stato somministrato già a 25mila pazienti (la Labiofam parla di 60 mila soggetti trattati) i cui dati clinici avrebbero rivelato un miglioramento in termini di sopravvivenza, remissione della malattia e controllo del dolore. Sono gli stessi specialisti cubani, però, a raccomandare di non sospendere le terapie oncologiche in corso durante la somministrazione della tossina scorpionica, segno inequivocabile degli effetti antitumorali non certificati.

I meccanismi d’azione del farmaco si esplicherebbero bloccando l’angiogenesi, cioè la formazione di nuovi vasi sanguigni nel tumore, e inibendo le proteasi (enzimi cellulari). Lavori scientifici a livello internazionale non ce ne sono, mentre è online da tempo uno studio condotto nel 1999 all’ospedale “Agostinho Neto” di Guantamano (Cuba) sui risultati ottenuti dall’uso della tossina in pazienti sottoposti a intervento chirurgico per tumore del retto. Il problema, dunque, è proprio questo: manca una validazione scientifica. L’Aiom, l’Associazione italiana di oncologia medica, è scettica perché da un lato nulla si sa sulla composizione della sostanza e sugli eventuali effetti collaterali e dall’altro non c’è neanche uno studio di valore internazionale pubblicato sull’uso del preparato sugli animali e sull’uomo.

Se solo una piccola parte di quei 60mila cui fa cenno l’azienda fosse stata curata con una metodologia corretta, è il senso del giudizio dell’Aiom, non ci troveremmo di fronte a un’ennesima falsa speranza. Paolo Delrio, chirurgo oncologo dell’Istituto dei tumori Pascale di Napoli, riferisce che alcuni suoi pazienti hanno già compiuto la trasferta sanitaria a Cuba: “Da circa un mese, almeno tre persone, colpite da tumore colorettale metastatico, stanno assumendo il liquido che contiene la tossina velenosa, ma senza aver sospeso la chemioterapia. Finora non si sono manifestati effetti collaterali, mentre persistono quelli legati alla chemioterapia. D’altronde, finché non ci saranno validazioni scientifiche, non mi sento di consigliare questo trattamento in alternativa alle terapie tradizionali. E poi, anche sugli eventuali risultati, è impossibile attribuirli all’Escozul piuttosto che ai farmaci chemioterapici”.

La Repubblica

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!