Stato ipnotico: scienziati getta…

Esiste davvero uno stato …

Divisione cellulare: svelato il …

[caption id="attachment_5…

Sensore intelligente: 5 secondi …

[caption id="attachme…

Bambini esposti a violenza tra l…

I bambini esposti a viole…

Sclerosi Laterale Amiotrofica: a…

Avviata presso l'Universi…

Lotta al diabete: Verso la partn…

Il diabete colpisce quasi…

Gas intestinali possono essere a…

Il gas presente nel nostr…

Cancro ai polmoni: tra le donne …

Il cancro al polmone è de…

Batterio della peste bubbonica d…

L'analisi dei ricercatori…

Il fungo della formica zombi

L'anomalo comportamento d…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Nuovi dispositivi per il monitoraggio delle malattie respiratorie croniche

Nuovi dispositivi per il monitoraggio delle malattie respiratorie croniche presto disponibili grazie all’accordotra Zcube e i laboratori dell’Università dell’Arizona

La cura dei disturbi respiratori cronici destinata a migliorare sensibilmente e a costi inferiori

Bresso (MI) – 15 dicembre 2010 – Zcube Srl, research venture di Zambon Co. SpA, impresa italiana leader nel settore farmaceutico, e Arizona Technology Enterprises (AzTE), technology venture dell’Arizona State University (ASU), hanno stipulato un accordo di licenza che consentirà a Zcube di utilizzare la tecnologia messa a punto nei laboratori dell’ASU per sviluppare e commercializzare dispositivi destinati a monitorare, prevenire e trattare più efficacemente le malattie respiratorie croniche, come l’asma.

Gli strumenti attualmente in uso per la misura nelle esalazioni umane della concentrazione di markers rilevanti come l’ossido di azoto (NO) per determinare con precisione l’infiammazione polmonare, lo stato della malattia e conseguentemente le terapie necessarie, sono ingombranti, di utilizzo complesso e costosi.

La tecnologia ideata nel laboratorio del Prof. NJ Tao al Biodesign Institute dell’ASU ha consentito di realizzare sensori miniaturizzati: i dispositivi basati su questi piccoli chip avranno la stessa dimensione degli attuali inalatori per l’asma, funzioneranno con batterie ricaricabili e potranno essere realizzati a costi ridotti grazie al sensore di proprietà e alla micro-elettronica.

“La tecnologia acquisita in licenza da Zcube attraverso AzTE rappresenta un punto di svolta nel monitoraggio e nel trattamento dei disturbi respiratori cronici”, ha dichiarato Lorenzo Pradella, General Manager di Zcube.  “I minuscoli sensori – quasi piatti e con meno di 1 cm di diametro – ci consentiranno di realizzare dispositivi portatili per monitorare e trattare l’evoluzione della malattia in tempo reale e a costi inferiori rispetto a quelli attuali”.

L’obiettivo è mettere a punto un dispositivo che misuri la concentrazione dei marker in tempo reale per aiutare i medici a regolare il dosaggio di un farmaco per via inalatoria. Inoltre la possibilità di acquisire i dati in modo preciso attraverso un microcontroller e di trasmetterli in tempo reale via Bluetooth consentirà al pazienze di effettuare le misurazioni ovunque si trovi.

Se combinato con la tecnologia GPS, il dispositivo potrà anche indicare il luogo dove si trova il paziente. Un’innovazione importante per il trattamento della malattia in grado di fornire indicazioni precise a pazienti ed operatori sanitari sulle aree geografiche dove si sono diffusi gli agenti che hanno provocato l’asma.

Zcube è stata fondata nel 2003 con l’obiettivo di supportare il settore emergente delle bioscienze e della ricerca in tutto il mondo. Dal 2007 Zcube focalizza la sua attività in modo particolare sui sistemi di drug delivery e sui dispositivi diagnostici per svariati settori terapeutici, annoverando diverse collaborazioni con università europee. USA ed israeliane.  Zcube è inoltre “Limited Partner” di Mission Bay Capital, LLC, un fondo di investimenti dedicato alle start-up e alle imprese fortemente innovative nel campo delle bioscienze collegate alle Università di San Francisco (UCSF, Berkeley e UC Santa Cruz) ed anche membro dell’Industrial Advisory Board dell’ incubatore  Quantitative Biosciences (QB3) di San Francisco.

AzTE ha riconosciuto in Zcube il partner ideale con cui condividere il focus sul settore emergente della diagnostica e che può aiutare a colmare il gap tra le conquiste della ricerca e il loro sbocco commerciale.

“L’accordo di licenza con Zcube è la prova che aziende di livello mondiale ritengono la ricerca d’avanguardia in atto all’ASU di grande impatto e importanza nel mondo reale”, ha commentato Augustine Cheng, managing director di AzTE.  “La tecnologia sviluppata dal professor Tao possiede il potenziale per rivoluzionare il modo in cui sono trattate nel mondo le malattie respiratorie croniche”.

Arizona Technology Enterprises (AzTE)

AzTE  è un’organizzazione non-profit che opera per la gestione della proprietà intellettuale e del trasferimento di tecnologie sviluppate dall’ASU e dai suoi centri di ricerca. Costituita da veterani del mondo dell’industria e delle università, AzTE è impegnata a mettere in contatto i laboratori di ricerca  dell’ASU con i partner dell’industria per trasformare le scoperte in prodotti e servizi, portando l’innovazione fuori dal laboratorio e dentro il mercato. AzTE attualmente offre licenze per oltre 300 nuove tecnologie nelle bioscienze e nelle scienze fisiche.  Per maggiori informazioni: http://www.azte.com/

Z-Cube

Zcube, Research Venture di Zambon Company S.p.A., è leader mondiale nell’integrazione tra l’attività di ricerca sperimentale e la pratica clinica con particolare riferimento allo sviluppo e commercializzazione di innovativi sistemi di drug delivery e medical devices provenienti dal mondo scientifico-accademico internazionale. Un modo innovativo di fare ricerca che unisce in modo bilanciato il profilo finanziario con un ruolo industriale diretto attraverso l’identificazione e valorizzazione di nuove tecnologie in grado di generare più efficaci e convenienti modalità di somministrazione del farmaco ed approcci diagnostici adatti al paziente. Fondato nel 2003 Zcube è tra gli investitori di tre biotech company europee (PharmEste s.r.l., SuppreMol GmbH and ProtAffin Biotechnologie AG).

Zambon Company SpA, fondata nel 1906, è presente in 15 Paesi ed in 3 continenti (Europa, Asia, Nord e Sud America), include il business farmaceutico (Zambon SpA) e quello chimico (ZaCh System) ed impiega oltre 2.500 persone con un fatturato consolidato nel 2009 pari a 542 milioni di euro.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!