Giovani malati di cancro: nuove …

Un progetto dell’UE ha co…

Studio su cellule fin'ora ignora…

[caption id="attachment_8…

Relaxina: l'ormone delle neo-mam…

[caption id="attachment_8…

Un gene da 'silenziare', per blo…

Spegnere il gene HCN2 per…

Tumore ai polmoni: una compressa…

[caption id="attachment_9…

Neuroni: studio sulla loro capac…

Due studi svelano che i s…

Evoluzione del cervello umano: i…

Sessanta geni, molti dei …

Sclerosi Multipla: sono 70 mila …

Sono in arrivo due nuove …

L'aquipe del Professor De Lisa c…

Ospedale Santissima Tri…

Raggi UV: il meccanismo di difes…

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Ormone della crescita in eta’ matura ‘promuove’ degenerazioni

Una ricerca mostra che l’assunzione in età matura dell’ormone della crescita come ‘ricostituente per ringiovanire’ è una pratica azzardata e controproducente

Un composto che agisce in senso opposto all’ormone della crescita mostra la capacità di rallentare l’invecchiamento alleviando alcuni sintomi dei disturbi legati all’età. La scoperta, apparentemente controintuitiva, fatta da ricercatori della Saint Louis University è descritta in un articolo pubblicato on line sui Proceedings of the National Academy of Sciences.

“Molte persone anziane hanno assunto l’ormone della crescita come ‘ricostituente per ringiovanire’. I nostri risultati indicano però fortemente che assumerlo durante la mezza età o da anziani possa essere un azzardo”, osserva John E. Morley direttore del Centro di geriatria medica ed endocrinologia della Saint Louis University School of Medicine, che ha diretto lo studio.

I ricercatori hanno studiato un composto, indicato dalla sigla MZ-5-156, che è un antagonista del GHRH, un ormone che controlla il rilascio dell’ormone della crescita, somministrandolo a un ceppo di topi appositamente ingegnerizzati per lo studio dei processi di invecchiamento. In questo modo hanno potuto osservare che l’MZ-5-156 esercitava effetti positivi sullo stress ossidativo cerebrale, consentendo un miglioramento delle capacità cognitive, dell’attività della telomerasi e della durata della vita, oltre che una diminuzione dell tasso di insorgenza di tumori.

Da studi precedenti era noto che, come altri antagonisti dell’ormone GHRH, il composto tende a inibire diverse forme di cancro umano fra cui quelli della prostata, del seno e del polmone e del cervello. Ora però si conferma che esercita effetti positivi anche sulle capacità di apprendimento e sulla memoria a breve termine, probabilmente attraverso la sua attività antiossidativa a livello cerebrale

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi