Giovani malati di cancro: nuove …

Un progetto dell’UE ha co…

Studio su cellule fin'ora ignora…

[caption id="attachment_8…

Relaxina: l'ormone delle neo-mam…

[caption id="attachment_8…

Un gene da 'silenziare', per blo…

Spegnere il gene HCN2 per…

Tumore ai polmoni: una compressa…

[caption id="attachment_9…

Neuroni: studio sulla loro capac…

Due studi svelano che i s…

Evoluzione del cervello umano: i…

Sessanta geni, molti dei …

Sclerosi Multipla: sono 70 mila …

Sono in arrivo due nuove …

L'aquipe del Professor De Lisa c…

Ospedale Santissima Tri…

Raggi UV: il meccanismo di difes…

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Piorrea: studi e scoperte verso cure definitive

   La struttura e il meccanismo d’azione del principale enzima responsabile della formazione della placca batterica che provoca la piorrea è stato identificato da ricercatori dell’Università di Groningen, che ne hanno dato notizia in un articolo pubblicato suiProceedings of the National Academy of Sciences (PNAS). La scoperta apre le porte allo studio di inibitori dell’attività dell’enzima che addizionati ai dentifrici potrebbero sconfiggere la fastidiosa malattia.

Con tecniche cristallografiche i ricercatori sono riusciti a determinare la struttura tridimensionale dell’enzima, la glucansucrasi. A sua volta, la conoscenza della struttura in 3D dell’enzima ha permesso di studiarne i meccanismi d’azione. L’enzima scinde il saccarosio in fruttosio e glucosio per poi aggiungere quest’ultima molecola a una catena di zuccheri via via più lunga. Finora si riteneva che queste due funzioni fossero svolte da differenti parti dell’enzima, ma il nuovo studio ha mostrato che esse avvengono entrambe nello stesso sito attivo.

La scoperta è rilevante ai fini terapeutici in quanto, pur essendo già noto il ruolo della glucansucrasi nello sviluppo della patologia, non era stato possibile inattivarla: “Gli inibitori finora studiati – spiega Lubbert Dijkhuizen, uno degli autori dello studio – non bloccavano solamente la glucansucrasi, ma anche l’amilasi della saliva, un importante enzima digestivo che partecipa alla degradazione degli amidi”. Un inconveniente a cui ora sarà possibile porre rimedio.

I dati ottenuti mostrano in effetti che con tutta probabilità la glucansucrasi si è evoluta a partire proprio dall’amilasi: ‘Sapevamo che i due enzimi erano simili, ma la struttura cristallina ci ha mostrato che i siti attivi sono virtualmente identici. I futuri inibitori dovranno quindo essere diretti verso obiettivi estremamente specifici”, ha aggiunto Dijkhuizen.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi