Sguardo limpido e occhi bianchi:…

Con qualche bistecca in m…

Boehringer Ingelheim ha presenta…

Inoltrata alle autorità e…

Terapie anti-HIV: efficaci contr…

Le attuali terapie contro…

Cellulite: in USA ok al primo tr…

Autorizzata negli Stati U…

Equivalenti e biosimilari, un bi…

Si tiene oggi a Roma il C…

Creata sostanza contro la perdit…

Gli scienziati della Yal…

Autismo: le doti particolari del…

Il cervello delle persone…

A OLBIA L’OPEN DAY “LA SALUTE DE…

Il 26 novembre screening …

Robot origami: dal MIT una 'macc…

Da lontano sembra un bana…

Paracetamolo: ottimo placebo con…

Il paracetamolo non e' me…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumore al pancreas: con minirobot la chirurgia e’ mininvasiva e la sopravvivenza sale

Il tumore del pancreas rimane uno dei piu’ difficili da curare, ma anche grazie a robot e chirurgia mininvasiva il tasso di guarigione e’ gia’ quadruplicato negli ultimi 15 anni.

I dati sono stati presentati dal Campus Biomedico di Roma, durante un convegno che ha riunito i principali esperti mondiali che si e’ tenuto ieri e oggi.

Secondo gli esperti la percentuale di guarigione per i tumori presi in tempo e quindi operabili e’ salita negli ultimi 15 anni dal 5 al 20%: “Questo e’ gia’ un ottimo risultato – sottolinea Roberto Coppola, responsabile della Chirurgia Generale del Campus – ma grazie alla laparoscopia e ai robot si riesce a portare prima il paziente dall’oncologo per le terapie successive all’operazione, e questo nel tempo fara’ alzare ancora di piu’ la percentuale di guarigioni”.

Il grande problema che emerge dai numeri presentati al convegno e’ che l’80% dei pazienti arriva troppo tardi alla diagnosi, e non puo’ quindi piu’ essere operato. In questo campo e’ molto attiva la ricerca di segnali d’allarme che possano essere interpretati per una diagnosi precoce: “Un esempio promettente sono alcune forme precancerose che fanno da precursori del tumore, che qui sono state presentate dall’esperto giapponese Masao Tanaka – spiega Domenico Borzomati, chirurgo dell’ospedale romano – per il momento e’ presto per pensare a screening come quelli degli altri tumori, ma e’ possibile che un giorno si possa individuare queste lesioni, ad esempio con una Tac, e intervenire subito”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi