Di nuove liberalizzazioni il ser…

  Roma, 6 febbraio 201…

FIMP - Dermatite atopica in età …

La FIMP: “C’è bisogno di …

Cellule staminali: al via test c…

Cellule embrionali ai 'na…

Un primo bilancio della campagna…

 AssoGenerici e Federanzi…

Federfarma sollecita a rivedere …

Per venire incontro a…

Ecografo tascabile VScan: nuovo …

Arriva in Italia e Spagna…

Cancro e mRNA: cambiamento di ro…

[caption id="attachme…

Atrofia muscolare spinale: farma…

Un nuovo farmaco promette…

Medicina preventiva sulla base d…

[caption id="attachment_7…

Cervello: nessuna differenza tra…

Dimenticate la teoria sec…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Un singolo gene responsabile delle dimensioni e della forma della corteccia cerebrale

Un singolo gene potrebbe essere responsabile delle dimensioni e della forma della corteccia cerebrale, sede dell’intelletto umano.

E’ quanto emerso da uno studio della Yale University, pubblicato sull”American Journal of Human Genetics’. L’evoluzione della regione ‘pensante’ del cervello ha portato ad alcuni dei piu’ grandi successi della specie umana, dalle opere di Shakespeare alla scissione dell’atomo. Come e’ stato possibile tutto questo per il cervello e’ da anni oggetto di ricerche e polemiche, ma ora gli scienziati hanno trovato le prove che l’evoluzione della corteccia cerebrale potrebbe esser stata guidata da solo un gene.

Secondo lo studio le mutazioni nel gene ‘NDE1′ hanno provocato una condizione congenita con cui sono nati alcuni bambini che li ha portati ad avere un cervello anormale e di piccole dimensioni. Il gene in questione e’ coinvolto nella divisione cellulare. Le discendenze di una famiglia turca e di due pachistane affette da microcefalia avevano i cervelli grandi appena il 10 per cento del normale, cui inoltre mancava la regolare architettura della corteccia cerebrale, caratteristica del cervello umano. “Il grado di riduzione nelle dimensioni della corteccia cerebrale e gli effetti sulla morfologia suggeriscono che questo gene svolge un ruolo chiave nell’evoluzione del cervello umano”, ha spiegato Murat Gunel, scienziato della Yale University del Connecticut, “i risultati dimostrano come singole molecole abbiano influenzato lo sviluppo della corteccia cerebrale umana negli ultimi 5 milioni di anni. E ora siamo un po’ piu’ vicini – ha concluso – per capire come avviene questo miracolo”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi