Tumore al colon-retto: con 52.00…

Migliora la sopravviven…

Metodo CEST ottimo per stanare p…

Una nuova strategia per i…

Tumori: è tutta italiana la tecn…

Identificare i tumori ed …

Malattie dell’intestino, stop al…

Sono gli interferoni di t…

HIV: una proteina che ostacola l…

Un team internazionale di…

Al via la Campagna #NoiFermiamoL…

Janssen Italia e il Comun…

Cancro: terapia al testosterone …

[caption id="attachment_6…

Dolore cronico: arriva la laser-…

Arriva direttamente dall'…

Costi diabete: un quarto è dovut…

Le recenti innovazioni su…

Farmacisti anche in case di cura…

Per migliorare l’assisten…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cancro al colon: parte sperimentazione nuovo vaccino, finanziato in parte da Monte Paschi

Siena – Ha preso il via a Siena una sperimentazione su un vaccino antitumorale che potrebbe rappresentare una nuova arma per combattere il cancro al colon ed altre neoplasie maligne. Si tratta del vaccino TS/PP, realizzato su un brevetto tutto senese, che punta a bloccare la crescita delle cellule tumorali.

Lo studio, finanziato in parte dalla Fondazione Monte dei Paschi e dall’associazione culturale Federico II, e’ stato messo a punto dalla microbiologa Maria Grazia Cusi e dall’oncologo Pierpaolo Correale dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Senese. “I nostri studi – spiegano Cusi e Correale – hanno dimostrato che la vaccinazione con TS/PP addestra l’organismo del paziente a produrre linfociti killer in grado di distruggere cellule tumorali che producono grosse quantita’ di un enzima, noto come timilidato sintasi, che e’ indispensabile per la crescita neoplastica. Inoltre, abbiamo osservato che l’effetto del vaccino e’ ancora piu’ efficace quando le cellule tumorali sono state preventivamente esposte ad un trattamento chemioterapico a base di fluorouracile, un farmaco antitumorale molto utilizzato in oncologia”. Lo studio, di fase I, e’ gia’ in corso, durera’ 6 mesi e coinvolgera’ 36 pazienti.

“Suddivideremo i pazienti in tre gruppi – aggiunge Correale – Al primo gruppo verra’ somministrato solo il vaccino, al secondo il vaccino insieme ad un immunostimolante e al terzo il vaccino associato ad un immunostimolante e al chemioterapico. Tutti i pazienti presentano uno stadio avanzato di tumore gia’ trattato con terapie standardizzate”. Il vaccino, ordinato negli USA dove viene sintetizzato grezzo, viene poi preparato dalla Farmacia Ospedaliera senese. “E’ la prima volta in Italia – conclude Cusi – che si passa dal laboratorio alla sperimentazione sul paziente, all’interno dello stesso gruppo di lavoro che ha caratterizzato il farmaco e messo a punto il brevetto”. La novita’ e’ che l’attivita’ antitumorale di questo vaccino e’ potenziata dall’associazione con la chemioterapia, offrendo quindi una chance in piu’ oltre alle cure convenzionali .

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!