ASST Rhodense e farmacie in prim…

Milano, 10 gennaio 2019 –…

Campagna rottamazione biberon al…

Fai la cosa giusta: al vi…

La proteina PYM, esempio di rici…

[caption id="attachme…

Un utilizzo splendente dello 'zi…

[caption id="attachment_3…

Artrite: identificato un inibito…

Individuato un inibitore …

Rapamicina: arriva dall'isola di…

[caption id="attachment_1…

Nuovi dati sui benefici clinici …

XXIV Congresso della Soci…

Nati prematuri: il contatto dell…

Ancora meglio dei farmaci…

DA APRILE TUTTA L’ITALIA CORRE C…

Fino a luglio saranno 26 …

[AME] Il diabete mellito di tipo…

L’OMS lancia l’allarme: s…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

DNA: da quattro a otto le basi oggi note che compongono la magica doppia elica

Per decenni, gli scienziati hanno creduto che il Dna fosse costituito da quattro basi: adenina, guanina, timina e citosina.


Elementi che vengono citati da tutti i libri di scienza e che hanno costituito il punto di partenza della conoscenza sulla codificazione dei geni. Recentemente, gli studiosi hanno ampliato l’elenco delle basi del Dna da 4 a 6. E ora un team della Facolta’ di Medicina dell’universita’ del North Carolina (Usa) annuncia su ‘Science’ di aver scoperto la settima e l’ottava base del Dna.

Queste ultime due basi, chiamate 5-formilcitosina e 5 carbossilcitosina – spiegano i ricercatori – sono in realta’ versioni di citosina che sono state modificate da proteine chiamate Tet, molecole che svolgono un ruolo chiave nella demetilazione del Dna e nella riprogrammazione delle cellule staminali. La scoperta ha dunque importanti implicazioni nella ricerca sulle staminali e sul cancro, in quanto potrebbe dare agli scienziati la possibilita’ di riattivare geni oncosoppressori che erano stati messi a tacere dalla metilazione del Dna.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x