Malattie uomo-donna: differenze …

ROMA - L'ansia e la depre…

E’ nata WAIDID, l'Associazione M…

il debutto al Summit di…

Misurazioni cerebrali: ricercato…

I ricercatori in Finlandi…

Il processo di generazione di nu…

[caption id="attachment_2…

Abiraterone acetato: aumenta sig…

[caption id="attachme…

Ottenuta albumina umana da chicc…

Un team di ricercatori ci…

Calcoli alla colecisti, un probl…

Calcoli alla colecisti, u…

Nelle insuline ‘con il cervello’…

Le ultime ricerche vann…

Cancro al fegato: vaccino vaiolo…

- Un farmaco ottenuto d…

Presbiopia: si può curare col la…

Mantenere giovane la vist…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

DNA: da quattro a otto le basi oggi note che compongono la magica doppia elica

Per decenni, gli scienziati hanno creduto che il Dna fosse costituito da quattro basi: adenina, guanina, timina e citosina.


Elementi che vengono citati da tutti i libri di scienza e che hanno costituito il punto di partenza della conoscenza sulla codificazione dei geni. Recentemente, gli studiosi hanno ampliato l’elenco delle basi del Dna da 4 a 6. E ora un team della Facolta’ di Medicina dell’universita’ del North Carolina (Usa) annuncia su ‘Science’ di aver scoperto la settima e l’ottava base del Dna.

Queste ultime due basi, chiamate 5-formilcitosina e 5 carbossilcitosina – spiegano i ricercatori – sono in realta’ versioni di citosina che sono state modificate da proteine chiamate Tet, molecole che svolgono un ruolo chiave nella demetilazione del Dna e nella riprogrammazione delle cellule staminali. La scoperta ha dunque importanti implicazioni nella ricerca sulle staminali e sul cancro, in quanto potrebbe dare agli scienziati la possibilita’ di riattivare geni oncosoppressori che erano stati messi a tacere dalla metilazione del Dna.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!