Processo formazione virus HIV: o…

Un gruppo di ricercatori …

Merck lancia SPOT My TRIAL, prog…

L’iniziativa prevede …

A Bologna il VII Congresso Nazio…

Nel capoluogo emiliano …

[Aduc]Vaccini: luoghi comuni, bu…

Dal fatto che il morbillo…

Ipersonnia: è un sonnifero che '…

Alcune persone soffrono d…

Tumore dell'ovaio: più informazi…

A Milano incontro pubblic…

Vitamina D non efficace in tutti…

Le carenze di vitamina D…

Ossitocina: l'ormone che rende f…

L’ormone ossitocina potre…

L’aumento della spesa privata in…

La scelta di mettere on-l…

Identificato un metodo per gener…

[caption id="attachment_5…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Nanoparticelle d’oro per misurare l’influenza

Nel corso delle epidemie di influenza i funzionari sanitari hanno finora dovuto scegliere tra un test rapido ma impreciso o un test affidabile ma lento.


Presto sara’ possibile avere la massima precisione in brevissimo tempo. Alcuni ricercatori dell’Universita’ della Georgia hanno sviluppato un nuovo metodo di rilevazione dell’influenza e ne hanno illustrato i dettagli sul numero di agosto di Analyst.
Grazie a un particolare rivestimento di nanoparticelle d’oro arricchite di anticorpi in grado di legarsi a specifici ceppi di virus influenzali, e grazie alla misurazione della loro dispersione alla luce del laser, la nuova tecnologia e’ in grado di rilevare l’influenza in pochi minuti al costo di un solo centesimo ad ogni esame. “Sappiamo da tempo che e’ possibile utilizzare gli anticorpi per catturare i virus, cosi come sappiamo che le nanoparticelle hanno comportamenti diversi a seconda delle loro dimensioni”, ha detto il co-autore Ralph Tripp, ricercatore presso il Georgia Research Alliance Eminent Scholar. “Quello che abbiamo fatto e’ stato combinare le due cose per creare un test diagnostico rapido e altamente sensibile”.

Lavorando presso l’UGA Nanoscale Science and Engineering Center, Tripp e il co-autore Jeremy Driskell, hanno collegato le proteine del sistema immunitario, gli anticorpi, con le cosiddette nanoparticelle d’oro. Il complesso nanoparticelle d’oro-anticorpi aggrega qualsiasi tipo di virus presente in un campione, e un generico dispositivo disponibile in commercio e’ poi in grado di misurare l’intensita’ con la quale tale campione diffonde la luce. Driskell ha spiegato che le nanoparticelle d’oro, che sono circa un decimo della larghezza di un capello umano, sono estremamente efficienti nella dispersione della luce. Le molecole biologiche quali i virus, invece, sono dispersori di luce molto deboli. L’assemblaggio del virus con le nanoparticelle d’oro fa si’ che la luce possa fluttuare secondo schemi prevedibili e misurabili.
“Il test puo’ essere letteralmente realizzato sul posto”, ha detto Driskell. “Prendi il tuo campione, lo metti nello strumento, premi un pulsante e otterrai i risultati”. L’oro e’ generalmente considerato solo come un metallo costoso, ma il nuovo test diagnostico ne utilizza una piccolissima quantita’, equivalente al costo di un centesimo per ogni prova.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi