Innovazione in campo nutrizional…

Il test genetico e l’inte…

Diabete: quali sono i legami con…

Ci sarebbe un legame tra …

Arriva il contraccettivo dei cin…

[caption id="attachment_8…

Il meccanismo che decide la fine…

I ricercatori del Sanford…

Carenza di ferro e anemia: nel m…

Diete sbagliate e disturb…

Il colore dei capelli 'estratto'…

E' possibile grazie all'i…

Il Consiglio di Stato conferma c…

Roma, 11 marzo 2013 - “Fa…

Cervello: la precarietà della ma…

L'instabilita' della …

Quando il dentista è in vacanza …

Dal dottor Marco Turc…

Scoprire e trattare l’intolleran…

Milano, 16 dicembre 2013 …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Fumatori italiani i meno convinti in Europa che si possa smettere. Ma anche i meno motivati

I fumatori italiani sono quelli meno motivati a smettere in Europa e sono anche i meno convinti che smettere si possa, insieme con gli spagnoli.

E’ quanto emerge dal questionario iCoach, condotto in tutta Europa su oltre 20.000 fumatori ed ex fumatori, da cui emerge che gli italiani fumano una quantita’ di sigarette nella media: 127 a settimana, contro la media europea di 126 e il dato record di 164 dei greci. Dove siamo deficitari e’ proprio nella motivazione a smettere: in una scala di valori da uno a dieci, gli italiani si fermano a 2,95, fanalino di coda in Europa, contro i piu’ motivati, i ciprioti (4,27), i lituani (4,26) e i belgi (4,23).
E sul fatto che si possa smettere con relativa facilita’, siamo i piu’ pessimisti, con un valore di 2,04 contro la media di 2,68. Intanto il commissario europeo per la Salute, John Dalli, ha varato la seconda fase della campagna anti-tabacco “Ex-smokers are unstoppable/Gli ex-fumatori sono irresistibili” della Commissione europea, annunciando che oltre 500.000 cittadini europei hanno gia’ dato prova del loro sostegno all’iniziativa accedendo alle pagine dedicate sui social media.

La campagna ” Ex-smokers are unstoppable/Gli ex-fumatori sono irresistibili”, presentata a giugno, mira ad aiutare i giovani di eta’ compresa tra i 25 e i 34 anni a smettere di fumare (o a continuare a stare lontani dalle sigarette) e a diventare “irresistibili” vivendo senza tabacco. E’ la prima volta che una campagna antifumo si concentra sui benefici di una vita da non fumatore: tra gli altri, salute e rapporti sociali migliori, piu’ soldi e ovviamente una migliore qualita’ della vita. “Mi compiaccio della risposta ottenuta finora”, ha dichiarato il commissario Dalli. “Sono particolarmente lieto che oltre 500.000 fumatori di tutta Europa abbiano visitato le pagine della campagna sui social media e che dopo soli tre mesi oltre 20.000 fumatori stiano gia’ utilizzando attivamente iCoach, il nostro strumento interattivo per smettere di fumare.
iCoach offre sostegno sotto forma di consigli e suggerimenti concreti nelle varie fasi del percorso verso la liberazione dal fumo: e’ la prima volta che una campagna dell’Unione europea offre un simile aiuto pratico”.
“L’UE ha condotto ricerche approfondite in merito a questa campagna”, ha spiegato il commissario. “Ben il 77% degli intervistati conferma che il nostro approccio funziona.
Continueremo a lavorare sui messaggi che trasmettiamo per accertarci della loro forza, della loro capacita’ di rispondere alle esigenze dei giovani e del loro impatto”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!