L'UE si prepara ad un progetto d…

È stato lanciato di recen…

Epilessia: i consigli della LICE…

Roma, 18 dicembre 201…

Pressione del polso alta indica …

Le persone di mezza eta' …

Sequenziando il genoma delle alg…

[caption id="attachment_7…

Distrofia miotonica: neutralizza…

[caption id="attachment_1…

Combattere il cancro riprogramma…

Il sistema di editing gen…

Traumi: possono essere ereditati…

Gli effetti psicologici d…

Scoperte le basi genetiche dei d…

Pubblicato sul Cerebral…

Fecondazione: la ricerca evidenz…

Scoperta una proteina ch…

Legge 40/2004 A 10 anni quale si…

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumore del seno: l’azione protettiva di un enzima presente in abbondanza nei broccoli piccanti

I broccoli mangiati con un condimento piccante come senape o peperoncino potenziano le loro capacita’ antitumorali: a metterlo in evidenza e’ uno studio pubblicato sul British Journal of Nutrition da un gruppo di studiosi dell’University of Illinois (Usa).

E piu’ sono piccanti, piu’ sono protettivi, spiegano i ricercatori. Il merito e’ della mirosinasi, un enzima naturalmente presente nei broccoli, ma anche nel peperoncino e nella senape: e’ grazie a questo enzima infatti che si forma il sulforafano, l’ormai noto componente anti-cancro. Maggiori quantita’ di mirosinasi si consumano, piu’ i broccoli si rivelano anti-tumorali: l’ideale, quindi, e’ mangiarli crudi o appena cotti – meglio al vapore che bolliti – perche’ le cotture troppo prolungate degradano l’enzima, e aggiungere i condimenti piccanti.


Altri alimenti che amplificano i benefici dei broccoli se consumati insieme sono i ravanelli, i cavoli, la rucola, il crescione e i cavoletti di Bruxelles. Quanto alle dosi consigliate, tra le 3 e le 5 a settimana dovrebbero essere sufficienti per una buona protezione, spiegano i ricercatori.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi