Malattie neurodegenerative: un n…

[caption id="attachment_1…

Macroalghe: alimento ottimo cont…

Un piatto di alghe a cena…

Sclerosi Multipla: Laquinimod in…

LAQUINIMOD IN FASE SPERIM…

L'FDA inizia le valutazioni dell…

[caption id="attachment_8…

Diabete di tipo 2: abbassare col…

L'abbassamento intensivo…

Influenza: rischio di ammalarsi …

"Chi è particolarmente st…

Scimmiette con il 'corredo' di d…

[caption id="attachment_2…

Terapia del dolore, per la prima…

Chieti - 6 settembre 2013…

Proteasi

La proteasi è un enzima c…

Dolore: distrarsi è l'impegno me…

Provare meno dolore se si…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumore del seno: l’azione protettiva di un enzima presente in abbondanza nei broccoli piccanti

I broccoli mangiati con un condimento piccante come senape o peperoncino potenziano le loro capacita’ antitumorali: a metterlo in evidenza e’ uno studio pubblicato sul British Journal of Nutrition da un gruppo di studiosi dell’University of Illinois (Usa).

E piu’ sono piccanti, piu’ sono protettivi, spiegano i ricercatori. Il merito e’ della mirosinasi, un enzima naturalmente presente nei broccoli, ma anche nel peperoncino e nella senape: e’ grazie a questo enzima infatti che si forma il sulforafano, l’ormai noto componente anti-cancro. Maggiori quantita’ di mirosinasi si consumano, piu’ i broccoli si rivelano anti-tumorali: l’ideale, quindi, e’ mangiarli crudi o appena cotti – meglio al vapore che bolliti – perche’ le cotture troppo prolungate degradano l’enzima, e aggiungere i condimenti piccanti.


Altri alimenti che amplificano i benefici dei broccoli se consumati insieme sono i ravanelli, i cavoli, la rucola, il crescione e i cavoletti di Bruxelles. Quanto alle dosi consigliate, tra le 3 e le 5 a settimana dovrebbero essere sufficienti per una buona protezione, spiegano i ricercatori.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi