Tumori: aumentano quelli legati …

Il numero di donne che sv…

Problemi ai denti possono aument…

Scarsa igiene orale e p…

Per riparare vasi sanguigni l'ok…

[caption id="attachment_8…

Fibromi: pillola del giorno dopo…

La pillola del giorno dop…

[ESMO] Dalla ricerca dei tumori …

[caption id="attachment_6…

LA CONSULTA SUL TABAGISMO FESTEG…

Roma - Il 10 gennaio 2005…

Vaccino: quello universale contr…

Passi avanti degli scien…

Cancro alla prostata: nuovo farm…

Approvato un medicina…

Completato l’arruolamento dei pa…

Lo studio CAROLINA di val…

Un pacemaker che si ricarica col…

Ricercatori dimostrano ch…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

HIV: primi mesi dopo infezione registrano deficit cognitivi e cambiamenti cerebrali

Il virus dell’Hiv (il virus dell’immunodeficienza umana) potrebbe provocare, nei primi mesi dell’infezione, dei cambiamenti cerebrali responsabili di deficit cognitivi e psicomotori in grado di influenzare la prognosi della malattia, riducendo la sopravvivenza e aumentando il rischio di morte.

E’ quanto emerge da uno studio pubblicato su Brain Connectivity da un gruppo di studiosi della Northwestern University di Chicago e della North Shore University Health System di Evanston (Usa). La ricerca e’ stata condotta esaminando le risonanze magnetiche di soggetti Hiv-positivi da meno di 12 mesi e confrontandole con quelle di persone sane.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi