Proteina orexina, legata alla so…

La proteina orexina, che …

La prostata guarisce a L'Aquila

Unità Operativa Complessa…

AIDS: decifrato genoma virus

[caption id="attachment_2…

Ecolocalizzazione: potremmo vede…

[caption id="attachment_1…

Merck Serono presenta nuovi dati…

Ginevra, Svizzera, 2 magg…

TEVA ITALIA: ROBERTA BONARDI BUS…

Milano, Novembre 2014– Da…

I Clinical Trial Center dei prin…

Eccellenza scientifica, g…

Nuove tecnologie per la scansion…

Alcuni scienziati stanno …

Il cervello come reagisce ad un …

Metà degli ultrasessanten…

Ridurre il sale nella dieta: sol…

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

HIV: primi mesi dopo infezione registrano deficit cognitivi e cambiamenti cerebrali

Il virus dell’Hiv (il virus dell’immunodeficienza umana) potrebbe provocare, nei primi mesi dell’infezione, dei cambiamenti cerebrali responsabili di deficit cognitivi e psicomotori in grado di influenzare la prognosi della malattia, riducendo la sopravvivenza e aumentando il rischio di morte.

E’ quanto emerge da uno studio pubblicato su Brain Connectivity da un gruppo di studiosi della Northwestern University di Chicago e della North Shore University Health System di Evanston (Usa). La ricerca e’ stata condotta esaminando le risonanze magnetiche di soggetti Hiv-positivi da meno di 12 mesi e confrontandole con quelle di persone sane.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi