Vaccini HIV: esperti denunciano …

Le sperimentazioni per ar…

NEXUS 2010: uniti contro il dist…

L’edizione 2010 del Nexus…

Cardiopatie: "naso" elettronico …

Un naso elettronico in g…

Identificate le staminali necess…

[caption id="attachme…

La compromissione cerebrale nell…

[caption id="attachment_5…

Infarto: individuate altre tredi…

Tredici nuove mutazioni g…

Epatocarcinoma: la sinergia di p…

L’epatocarcinoma è una pa…

Staminali: trovate le informazio…

(Ansa)  E' stata identifi…

Alzheimer in età giovanile: sott…

Le statistiche dimostrano…

Cancro: un agente che sopprime l…

Scienziati testano gli ef…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

HIV: primi mesi dopo infezione registrano deficit cognitivi e cambiamenti cerebrali

Il virus dell’Hiv (il virus dell’immunodeficienza umana) potrebbe provocare, nei primi mesi dell’infezione, dei cambiamenti cerebrali responsabili di deficit cognitivi e psicomotori in grado di influenzare la prognosi della malattia, riducendo la sopravvivenza e aumentando il rischio di morte.

E’ quanto emerge da uno studio pubblicato su Brain Connectivity da un gruppo di studiosi della Northwestern University di Chicago e della North Shore University Health System di Evanston (Usa). La ricerca e’ stata condotta esaminando le risonanze magnetiche di soggetti Hiv-positivi da meno di 12 mesi e confrontandole con quelle di persone sane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi