7° Danone International Prize f…

[caption id="attachment_3…

Morbillo: il virus che potrebbe …

Il virus del morbillo, in…

Poliartrite reumatoide: fattore …

Le giovani donne colpite …

Mylan supporta il progetto dell'…

Milano, 18 Dicembre 2012 …

Tumori al colon e farmaci biolog…

[caption id="attachment…

Iperidrosi, o eccessiva sudorazi…

Iperidrosi, la Fda ha aut…

Epilessia: cellule staminali off…

Gli scienziati della …

Menisco: non necessaria chirurgi…

La chirurgia non e' una …

Pressione alta: arriva la cura d…

Scienziati mettono a punt…

Urologo 2.0: formazione e aggior…

Il progetto, realizzato c…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

HIV: primi mesi dopo infezione registrano deficit cognitivi e cambiamenti cerebrali

Il virus dell’Hiv (il virus dell’immunodeficienza umana) potrebbe provocare, nei primi mesi dell’infezione, dei cambiamenti cerebrali responsabili di deficit cognitivi e psicomotori in grado di influenzare la prognosi della malattia, riducendo la sopravvivenza e aumentando il rischio di morte.

E’ quanto emerge da uno studio pubblicato su Brain Connectivity da un gruppo di studiosi della Northwestern University di Chicago e della North Shore University Health System di Evanston (Usa). La ricerca e’ stata condotta esaminando le risonanze magnetiche di soggetti Hiv-positivi da meno di 12 mesi e confrontandole con quelle di persone sane.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi