Alzheimer: scienziati finanziati…

Una diagnosi più precoce …

Test diagnostici radioattivi: in…

[caption id="attachment_8…

Lo sviluppo della cornea artific…

[caption id="attachment_7…

Pillole per l'ipertensione: la r…

Le dimenticanze portano a…

Staminali del cancro scoperte: a…

Domani, nel giorno della …

Istituto tumori: fumo nuoce alle…

Anche in spiaggia st…

25° congresso ECTRIMS: presentat…

[caption id="attachment…

Febbre tifoidea: ottimi risultat…

Sono positivi i risultati…

Osservato l'RNA che attraversa i…

[caption id="attachment_9…

Abbronzatura: una microcapsula p…

Un nuovo metodo basato su…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Stress: aumenta i livelli dei cortisteroidi che danneggiano i tessuti cerebrali

Provocano l’aumento dei livelli dei corticosteoridi, gli ormoni coinvolti nelle risposte allo stress, che a loro volta risultano tossici per i tessuti cerebrali se permangono a livelli elevati per lunghi periodi: per questo situazioni prolungate di stress possono ”restringere” il cervello e aumentare il rischio di sviluppare la demenza.

E’ quanto affermano gli studiosi dell’Albert Einstein College of Medicine di New York guidati da Byram Karasu. La ricerca prese il via quando, dopo l’attacco alle Torri Gemelle di New York del 2001, i medici rilevarono nei dirigenti di Wall Street affetti da sindrome da stress post traumatico una diminuzione nella dimensione dell’ippocampo, l’area cerebrale coinvolta nella formazione dei ricordi.


”Anche se il campione esaminato e’ troppo piccolo per trarre conclusioni – spiega Karasu – abbiamo scoperto che lo stress colpisce l’ippocampo”. A rischio, secondo i ricercatori, le forme di stress prolungato che dipendono dalla mancanza di lavoro, da matrimoni molto complicati e da eventi tragici.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi