Dal 9 all'11 giugno tutti in cam…

Sport, corretto approccio…

L'aquipe del Professor De Lisa c…

Ospedale Santissima Tri…

YAP, “Young Against Pain”: premi…

Roma, 26 Marzo 2015 – Son…

La tela del ragno e i segreti in…

La capacità di resistere …

Aggiornamento dei foglietti illu…

Roma, 7 maggio 2014 - “E’…

Cinque grammi di sale al giorno …

Troppo sale nei piatt…

Osteoporosi: TAC addominale potr…

La Tac addominale ch…

Schizofrenia e collegamento con …

Un gruppo di scienziati d…

Colla delle cozze: allo studio, …

Il segreto del formidabil…

Vaccini: è italiana la scoperta …

Una proteina 'chimerica',…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Stress: aumenta i livelli dei cortisteroidi che danneggiano i tessuti cerebrali

Provocano l’aumento dei livelli dei corticosteoridi, gli ormoni coinvolti nelle risposte allo stress, che a loro volta risultano tossici per i tessuti cerebrali se permangono a livelli elevati per lunghi periodi: per questo situazioni prolungate di stress possono ”restringere” il cervello e aumentare il rischio di sviluppare la demenza.

E’ quanto affermano gli studiosi dell’Albert Einstein College of Medicine di New York guidati da Byram Karasu. La ricerca prese il via quando, dopo l’attacco alle Torri Gemelle di New York del 2001, i medici rilevarono nei dirigenti di Wall Street affetti da sindrome da stress post traumatico una diminuzione nella dimensione dell’ippocampo, l’area cerebrale coinvolta nella formazione dei ricordi.

”Anche se il campione esaminato e’ troppo piccolo per trarre conclusioni – spiega Karasu – abbiamo scoperto che lo stress colpisce l’ippocampo”. A rischio, secondo i ricercatori, le forme di stress prolungato che dipendono dalla mancanza di lavoro, da matrimoni molto complicati e da eventi tragici.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!