Chili di troppo che si ereditano…

I chili di troppo si ered…

Prima colazione: tutti gli strat…

"Prima colazione? Non ri…

Dolore cronico nei pazienti anzi…

Tecniche di comunicazione…

Riserva ovarica e gene guardiano…

La sovraespressione del…

AIDS: nuovo approccio per combat…

Identificato il meccanis…

Stress ossidativo: Telethon svel…

Dalla ricerca Telethon su…

Autismo: stimolazione cerebrale …

La stimolazione cerebrale…

L'osservatorio Federsalus lancia…

Per gli abitanti del Bel …

Vitamina D3, cistatina e tumori …

[caption id="attachment_1…

Quando i bruciori allo stomaco n…

La pirosi frequente -…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: diagnosi precoce grazie ad uno spray nasale

I primi sintomi dell’Alzheimer potrebbero essere presto notati guardando attentamente nel naso dei pazienti. Attualmente non esiste nessun test diagnostico di base che riguardi questo tipo di patologia.

Ma ora, gli scienziati della Universita’ Tecnica di Darmstadt, in Germania, credono che il naso possa essere usato come una sorta di ‘finestra’ su quello che accade nel cervello.

I ricercatori hanno infatti sviluppato uno spray nasale che individua e rende riconoscibili le proteine dannose che sono associate a questa forma di demenza degenerativa. La mucosa nasale mostra segni che rivelano il danneggiamento a opera della proteina Tau, che uccide le cellule del cervello. “Nel naso dei pazienti si trovano depositi della proteina Tau”, ha spiegato Boris Schmidt, a capo del gruppo di ricerca, che ha condotto test su 100 cadaveri di pazienti che avevano sofferto di Alzheimer. Dopo aver spruzzato lo spray, sostengono gli scienziati, il medico non avra’ che da esaminare le cavita’ nasali del paziente, alla ricerca delle tracce della pericolosa proteina.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi