L'Italian Rolfing week, per dire…

Sedute gratuite e seminar…

NEUROPROBES: il progetto per son…

[caption id="attachment_7…

Tumore al seno: fumo e recettori…

[caption id="attachment_8…

Difetti della coagulazione e odo…

Roma, 21 novembre 2013 - …

Cancro, nuove scoperte tra inter…

Sessanta nuovi geni poten…

Perdita di udito: come affrontar…

Circa il 16 per cento deg…

Tumori: una proteina correlata a…

La mancanza della protein…

Esami di imaging fanno lievitare…

Gli esami di imaging sono…

Morbillo: il virus che potrebbe …

Il virus del morbillo, in…

Oncologo: dalle sigarette elettr…

"Il vantaggio evident…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: diagnosi precoce grazie ad uno spray nasale

I primi sintomi dell’Alzheimer potrebbero essere presto notati guardando attentamente nel naso dei pazienti. Attualmente non esiste nessun test diagnostico di base che riguardi questo tipo di patologia.

Ma ora, gli scienziati della Universita’ Tecnica di Darmstadt, in Germania, credono che il naso possa essere usato come una sorta di ‘finestra’ su quello che accade nel cervello.

I ricercatori hanno infatti sviluppato uno spray nasale che individua e rende riconoscibili le proteine dannose che sono associate a questa forma di demenza degenerativa. La mucosa nasale mostra segni che rivelano il danneggiamento a opera della proteina Tau, che uccide le cellule del cervello. “Nel naso dei pazienti si trovano depositi della proteina Tau”, ha spiegato Boris Schmidt, a capo del gruppo di ricerca, che ha condotto test su 100 cadaveri di pazienti che avevano sofferto di Alzheimer. Dopo aver spruzzato lo spray, sostengono gli scienziati, il medico non avra’ che da esaminare le cavita’ nasali del paziente, alla ricerca delle tracce della pericolosa proteina.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!