La crisi occupazionale rende ind…

Roma, 23 ottobre 2014- “E…

Alcol: sistema immunitario indeb…

[caption id="attachme…

[Assobiotech] I vaccini a DNA: u…

Dall'ingegneria genet…

Radiologia del terzo millennio: …

E' nata la radiologia del…

Il sole è pericolo per chi ha ta…

Spesso sottovalutato, il …

Stesso virus della passata stagi…

I SONDAGGI* DI WWW.OSSERV…

Fase sperimentale di un farmaco …

[caption id="attachment_5…

Genetica: sono i telomeri l'orac…

I telomeri possono effett…

Nobel 2014 Medicina e coniugi Mo…

I coniugi norvegesi Edvar…

Ictus: la gravidanza può essere …

I casi di ictus legato al…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

I batteri aiutano e proteggono i bambini contro allergie

Un team di ricercatori danesi e cinesi ha scoperto che i bambini sono meno a rischio di sviluppare malattie allergiche in età più avanzata quando vengono a contatto con vari batteri durante le primissime fasi della vita. Presentati sul Journal of Allergy and Clinical Immunology, i risultati suggeriscono che nuovi fattori stanno influenzando le malattie dello stile di vita moderno.

Le allergie, che gli esperti chiamano malattie da ipersensibilità, colpiscono circa un quarto della popolazione danese. Il numero di casi è in continuo aumento. Questo recente studio fa luce sul perché i batteri potrebbero rivelarsi benefici durante l’infanzia.

Scienziati coordinati dall’Università di Copenhagen in Danimarca dicono che questi diversi batteri offrono una protezione. “Nel nostro studio su oltre 400 bambini abbiamo osservato un legame diretto tra il numero di batteri diversi nel loro retto e il rischio di sviluppare malattie allergiche più avanti,” dice Hans Bisgaard, consulente del Gentofte Hospital, direttore del COPSAC (Copenhagen Studies on Asthma in Childhood) e professore di malattie infantili presso la Facoltà di Scienze della salute, Università di Copenhagen. 

“Una ridotta diversità dei microbi intestinali durante l’infanzia è associata a un maggiore rischio di malattie allergiche in età scolare,” dice il professor Bisgaard. Maggiore è la diversità però, maggiori sono le probabilità che il rischio sia mitigato e maggiore è la varietà, minore è il rischio.

“È quindi diverso se il bambino è nato vaginalmente, incontrando i primi batteri dal retto della madre o tramite taglio cesareo, che espone il bambino appena nato a una varietà di batteri completamente diversa e più ridotta. Potrebbe essere questa la ragione per la quale molti più bambini nati con taglio cesareo sviluppano allergie.”

Prima di nascere e fino a sei mesi dopo essere venuto al mondo, un bambino è protetto dal sistema immunitario della madre. La flora batterica può quindi essere influenzata da antibiotici assunti dalla madre o da sostanze artificiali alle quali si è esposta.

“Devo sottolineare che non c’è un singolo batterio dell’allergia,” spiega il professor Bisgaard. “Abbiamo studiato i batteri stafilococco e coli in modo approfondito e non c’è alcuna relazione. Quello che conta è venire a contatto con un gran numero di batteri diversi nelle prime fasi della vita, quando il sistema immunitario si sta sviluppando e sta “imparando”. Il periodo durante il quale il bambino è immaturo dal punto di vista immunologico e può essere influenzato dai batteri è breve e si conclude un paio di mesi dopo la nascita.”

I risultati dello studio sono in linea con l’ampio numero di scoperte che i ricercatori hanno fatto sull’asma e la febbre da fieno, spiega il professore.

“Le nostre nuove scoperte concordano con il gran numero di scoperte che abbiamo fatto sull’asma e sulla febbre da fieno,” spiega il professor Bisgaard. Come le allergie, queste sono provocate da vari fattori legati al primo periodo di vita, dice.

Il gruppo COPSAC ha pubblicato articoli a intervalli regolari che presentano le ultime scoperte sull’allergia e l’asma.

Per quanto strano possa sembrare, i batteri potrebbero rivelarsi una parte fondamentale di una vita sana, sostiene il professor Bisgaard. Potrebbero esistere anche altre associazioni, come il diabete e la flora intestinale.

“Non penso che un meccanismo che colpisce il sistema immunitario abbia effetti solo sulle allergie,” dice il ricercatore danese. “Mi sorprenderebbe che malattie come obesità e diabete non trovino le cause nelle prime fasi della vita e non dipendano da come le nostre difese immunitarie vengono stimolate venendo a contatto con le colture di batteri che ci circondano.”

Hanno contribuito allo studio ricercatori dell’Istituto Statens Serum in Danimarca e del Primo ospedale universitario di Pechino in Cina.

Per maggiori informazioni, visitare:

Università di Copenaghen:
http://www.nbi.ku.dk/english/

Journal of Allergy and Clinical Immunology:
http://www.jacionline.org/

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!