Chemioterapie: Menarini sperimen…

Nuova terapia piu' effica…

Fumo passivo: compromette il neu…

I neonati esposti alla ni…

L'estate è la stagione della fer…

E' l'estate il periodo …

E' italiano il collirio anti-gla…

[caption id="attachment_2…

Autismo e smog: studiato il ness…

Le donne esposte ad alti …

Cellule staminali: a decidere la…

Su circa 100 molecole stu…

Tumore alla vescica: quando è la…

Nuove tecniche di diagnos…

Dietro la retina dei nostri occh…

Nei nostri occhi brilla u…

Regimi terapeutici con telaprevi…

Regimi terapeutici con te…

Testosterone: un crollo dei live…

- Gli uomini subito dopo …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

EPO: rischio aumento pressione a livello cerebrale

L’uso dell’eritropoietina (Epo) puo’ aumentare la costrizione dei vasi sanguigni nel cervello e ridurre l’afflusso di sangue, determinando un aumento della pressione a livello cranico.

A rivelarlo e’ uno studio pubblicato su Faseb Journal da un gruppo di studiosi dell’Universita’ di Zurigo (Svizzera). Lo studio e’ stato condotto su due gruppi di uomini sani a cui sono state somministrate, per un periodo di 13 settimane, delle dosi di eritropoietina in modo cronico o occasionale.


Dall’analisi della reattivita’ dei vasi cerebrali a riposo e durante sforzi fisici i ricercatori hanno rilevato che, sia nel caso della somministrazione cronica che della somministrazione occasionale, si evidenziava un restringimento dei vasi sanguigni cerebrali con conseguente aumento della pressione arteriosa cerebrale.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi