Epatite C: nuova strategia di cu…

Difficile ricordare subit…

Osteoporosi severa: prosegue lo …

Come riconoscere i camp…

#COVID-19: UN FARMACO RACCOMANDA…

Dalla Cina interessanti e…

Tumori: scoperto quale gene nell…

Un team internazionale di…

Natale: il decalogo SIPPS “siste…

La Società Italiana di Pe…

Scoperto un ormone che annulla l…

Un gruppo di ricercatori …

Distrofia di Duchenne: anche un …

[caption id="attachment_1…

Dolore cronico: siglata una nuov…

I rappresentanti dell’ass…

Il regno animale accomunato dal …

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Glicemia: nuovo sistema per misurare glucosio nel sangue

Le persone ammalate di diabete potrebbero prossimamente contare su una risorsa meno costosa e impegnativa per monitorare i livelli di glucosio nel sangue se lo studio di un gruppo di ricercatori della Missouri University of Science pubblicato su Medical News Today confermera’ i suoi risultati.

Il team ha recentemente messo a punto un sistema biologico che utilizza segmenti di DNA integrato nei batteri per rilevare il glucosio. I ricercatori ritengono che il loro sviluppo potrebbe portare a un nuovo tipo di strisce reattive per i diabetici. ”Abbiamo progettato il DNA nei batteri in modo che segnali la concentrazione di glucosio”, ha affermato Erica Shannon dell’Universita’ del Missouri. Per il progetto, sono stati elaborati geni che permettono al batterio, un non-virulento ceppo di Escherichia coli, di percepire la presenza del glucosio. I batteri emettono un bagliore giallo quando il glucosio e’ presente. Se le concentrazioni di glucosio diventano piu’ alte, il bagliore diventa piu’ luminoso. Secondo Shannon, i risultati potrebbero costituire la base per nuovi esami meno costosi per aiutare le persone con il diabete a monitorare i loro livelli di zucchero nel sangue. In futuro si perfezionera’ la scoperta puntando sui diversi colori in base ai livelli di glucosio. Le strisce reattive potranno diventare verdi se i livelli di glucosio sono entro i valori normali, gialli se sul limite massimo e rossi se elevati. ”Tutto quello che si deve fare e’ semplicemente inserire il DNA all’interno di un batterio sulla striscia reattiva”, ha detto Shannon. ”Un metodo che sarebbe anche meno costoso rispetto agli attuali prodotti chimici”, ha concluso.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x