Antidepressivi in gravidanza: no…

Gli antidepressivi in gra…

Biosimilari: aumenta l’informazi…

Roma, 3 febbraio 2014 - “…

La Procura di Torino indaga la S…

Somministrazione di farma…

Sordità al ritmo: scienziati sco…

Se si hanno difficolta' a…

Sigaretta elettronica: riabilita…

Soppressa l'equiparazione…

Anomalie genetiche/cromosomiche …

Un semplice esame del san…

Malformazione globuli rossi: si …

L'analisi può essere effe…

Assegnato a due ricercatori di B…

Valentina Salvestrini del…

Tbc: Scoperto un nuovo meccanism…

[caption id="attachment_1…

Miele: rimedio naturale: combatt…

Il rimedio della nonna pe…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Ictus silenti responsabili di perdita di memoria

Una ricerca statunitense della Columbia University Medical Center di New York evidenzia nuovi collegamenti tra la perdita di memoria e gli ictus silenti che attaccano circa uno su quattro adulti anziani.

Lo studio sara’ pubblicato sul numero di gennaio di Neurology, la rivista medica dell’American Academy of Neurology. “L’aspetto nuovo di questo studio sulla perdita di memoria negli anziani e’ che si esamina in relazione agli ictus silenti”, ha commentato l’autore dello studio Adam Brickman, ricercatore della Columbia University Medical Center di New York. Per l’indagine e’ stato esaminato un gruppo di 658 persone di eta’ media di 65 anni. I partecipanti sono stati sottoposti a test che misuravano la memoria, la capacita’ di linguaggio, la velocita’ di elaborazione delle informazioni e la percezione visiva. Un totale di 174 dei partecipanti risultava aver subito ictus silenti e ha ottenuto esiti peggiori ai test di memoria rispetto agli intervistati sani.

“Dato che i sintomi iniziali di patologie come il morbo di Alzheimer sono definiti principalmente da problemi di memoria – ha concluso Brickman – i nostri risultati potrebbero portare a una visione piu’ completa di cosa provoca i sintomi e lo sviluppo di nuovi interventi per la prevenzione”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi