La Procura di Torino indaga la S…

Somministrazione di farma…

Geriatria: negli USA gli america…

Gli anziani americani di…

Depressione: una proteina potreb…

Gli scienziati hanno…

Ogni cervello ha un network, ogn…

Per evitare ingorghi e st…

Vista: stampate per la prima vol…

Un gruppo di ricercatori…

Malattie muscolo-scheletriche pe…

Le patologie di natura mu…

La carie, un problema di sanità …

Milano, 29 settembre 2014…

Percezione del corpo e memoria: …

Un nuovo studio del Karo…

Piorrea: studi e scoperte verso …

La struttura e il meccani…

Baci e benefici: meno calorie, m…

Non si tratta di legg…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Post ictus: un ottimo tasso di recupero funzionalità compromesse con stimolazione magnetica transcranica

Il recupero delle funzionalita’ compromesse a causa di un ictus puo’ essere effettuato attraverso la stimolazione magnetica del cervello: a sostenerlo e’ uno studio pubblicato su Neurology da un gruppo di studiosi della Fondazione Santa Lucia di Roma, guidati da Giacomo Koch.


I ricercatori spiegano che, in eseguito a un ictus che si verifica in uno dei due emisferi cerebrali, si verifica uno squilibrio che porta a quella che viene definita, tecnicamente, ”negligenza emispaziale”. Una condizione che consiste nell’incapacita’, ad esempio, di muovere il lato sinistro del corpo quando a essere colpita e’ la meta’ destra del cervello. ”Quando un ictus colpisce una parte del cervello fa si’ che l’altra parte diventi iperattiva, e che i suoi circuiti si sovraccarichino”, spiega Koch.

Il trattamento si basa sulla stimolazione magnetica transcranica: una bobina elettromagnetica viene posta contro il cuoio capelluto e crea correnti elettriche che stimolano le cellule nervose al fine di farle recuperare. Dei 20 pazienti coinvolti nell’esperimento, 10 hanno ricevuto dieci sessioni di stimolazione magnetica nel corso di due settimane, mentre altri 10 hanno ricevuto un trattamento simulato; entrambi i gruppi hanno seguito anche l’usuale percorso di riabilitazione. Lo studio ha dimostrato che i circuiti iperattivi erano tornati alla normalita’ solo in coloro che avevano ricevuto lo stimolo magnetico. Non solo: alla fine del trattamento e’ emerso che coloro che avevano ricevuto la stimolazione magnetica avevano ottenuto miglioramenti nei test visuo-spaziali e di movimento del 16% alla fine del trattamento e del 22% due settimane dopo, mentre il punteggio raggiunto dai soggetti del gruppo di controllo non aveva subito alcun miglioramento.

”Questo studio – spiega Heidi Schambra della Columbia University Medical Center, autrice di un editoriale di accompagnamento all’articolo – rappresenta un importante passo in avanti nella strada verso la riabilitazione dalla negligenza emispaziale dopo un ictus”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!