Quattromila composti chimici nel…

Il database è accessibile…

Sindrome metabolica: quando si m…

Per la salute, quando si …

Fertilita': aiutarla con degli a…

Pensando a un organo imp…

Nessun legame tra tumori e caffe…

[caption id="attachment_8…

Le troppe calorie dopo i 70 anni…

Superata questa età, un m…

Oftalmologia: da Chieti, i consi…

Estate di superlavor…

Le proteine del capside virale: …

Tumori: più che dai v…

Geriatria: negli USA gli america…

Gli anziani americani di…

Smettere di fumare: una "scossa"…

Dallo yoga all'agopuntura…

LA FEDERAZIONE MEDICO SPORTIVA I…

La “giusta dose” terapeut…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il brivido della paura nei pesci ha il sapore dello zucchero

L’odore della paura? Per i pesci profuma di zucchero. Lo hanno scoperto alcuni ricercatori dell’Università di Singapore, analizzando le reazioni di alcuni esemplari ai traumi. Quando un pesce si fa male, il resto del branco infatti si spaventa. Questo perché annusa una sostanza misteriosa.

Ora i ricercatori del team di Suresh Jesuthasan spiegano su ‘Current Biology’ di aver capito di cosa è fatta questa ‘sostanza spaventosa’. Al suo interno c’è un particolare tipo di zucchero, che si trova in abbondanza nella pelle del pesce.
Quando uno zebrafish viene ferito, frammenti dello zucchero noto come condroitina solfato allarma gli altri pesci nelle vicinanze. “I nostri risultati forniscono una soluzione a un mistero vecchio di 70 anni”, sostiene Jesuthasan.

In pratica, la sostanza zuccherina viene registrata in una particolare area del cervello del pesce, il bulbo olfattivo, che contiene neuroni specializzati – secondo il team – nel rilevare l’allarme zuccherino. Ma la scoperta potrebbe portare addirittura a una nuova visione della natura della paura stessa. “Questi risultati sottolineano l’utilità dello zebrafish per indagare le basi neurali della paura innata”, spiega ancora Jesuthasan.
“Data la trasparenza delle larve, è possibile infatti vedere con precisione cosa accade nel cervello quando l’organismo rileva un pericolo. Questo ci permetterà in futuro di capire come i neuroni regolano le risposte emotive”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi