Italian Health Policy Brief: “Os…

In Europa i costi sono st…

Da cellule adipose, staminali ch…

[caption id="attachme…

Curcuma: inibisce, rallentandola…

Un nuovo studio ha rivela…

Mal di schiena: ereditario nel 5…

Un 'fardello' che, in cir…

In Calabria parte il progetto sp…

Soverato, 24 giugno 2011 …

Malattie rare: nuovo trial per l…

Dopo il recente annuncio …

Neuroprotesi più accurate e più …

In un nuovo articolo, un …

Tessuto epatico ricreato artific…

[caption id="attachment_…

Cancro Ovarico: diagnosticabile …

E' possibile rilevare la …

Terapia genica per recuperare l'…

È ritenuta, a torto, la "…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Psoriasi: tra i fattori di rischio non c’è il caffé

I ricercatori del Brigham and Women’s Hospital di Boston, guidati da Abrar Qureshi, hanno scagionato anche il caffe’ dall’accusa di essere all’origine della psoriasi.

Gli scienziati ritengono che la psoriasi sia causata da un attacco anomalo del sistema immunitario sulle cellule del proprio corpo, tale da indurle a formare chiazze rosse e squamose. Per vedere se la caffeina ha un’effettiva influenza sullo sviluppo della psoriasi, Qureshi e il suo team hanno esaminato piu’ di 82.000 partecipanti del Nurses Health Study. Tutti i partecipanti dello studio, cominciato nel 1991, avevano compilato questionari sulla loro dieta e sull’assunzione di bevande. Nessuno di essi all’epoca era affetto da psoriasi. Nel corso dei successivi 14 anni, circa 1.000 persone coinvolte nello studio hanno sviluppato la malattia. Inizialmente il rischio sembrava un po’ piu’ elevato tra coloro che avevano consumato piu’ caffeina, ma poi e’ emerso che i bevitori di caffe’ hanno anche fumato molto di piu’ delle persone con un piu’ basso consumo di caffeina.

Poiche’ studi precedenti avevano legato la psoriasi sia all’alcol sia al tabacco, i ricercatori hanno potuto emendare il caffe’ tra i fattori sospetti della malattia della pelle.
“C’e’ inoltre un crescente corpo di evidenze che suggeriscono che il consumo di caffe’ puo’ ridurre il rischio di diabete, di ictus e alcuni tipi di cancro”, ha commentato Lopez-Garcia, docente presso l’Universidad Autonoma di Madrid in Spagna, non coinvolto nello studio. La ricerca e’ stata pubblicata sugli ‘Archives of Dermatology’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi