Epatite C: ci sono le cure, ma h…

La Francia guida il front…

Cancro alla prostata: un nuovo t…

[caption id="attachme…

[Iperfenilalaninemia] Merck Sero…

[caption id="attachment_2…

La sport-terapia per i mielolesi…

Al Centro Spinale Riabili…

Ricercatori europei sviluppano t…

[caption id="attachme…

Una nuova opportunità rivolta a …

L’ADHD, Disturbo da Defic…

EFIC-GRÜNENTHAL GRANT 2012 a so…

Aperte le iscrizioni su…

Shering-Plough annuncia i risult…

[caption id="attachment_1…

‘NOVAIR’ – Broncopneumopatia Cro…

Firenze 15-17 febbraio 20…

Ansia: nuove alternative di trat…

Ricercatori scoprono …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Psoriasi: tra i fattori di rischio non c’è il caffé

I ricercatori del Brigham and Women’s Hospital di Boston, guidati da Abrar Qureshi, hanno scagionato anche il caffe’ dall’accusa di essere all’origine della psoriasi.

Gli scienziati ritengono che la psoriasi sia causata da un attacco anomalo del sistema immunitario sulle cellule del proprio corpo, tale da indurle a formare chiazze rosse e squamose. Per vedere se la caffeina ha un’effettiva influenza sullo sviluppo della psoriasi, Qureshi e il suo team hanno esaminato piu’ di 82.000 partecipanti del Nurses Health Study. Tutti i partecipanti dello studio, cominciato nel 1991, avevano compilato questionari sulla loro dieta e sull’assunzione di bevande. Nessuno di essi all’epoca era affetto da psoriasi. Nel corso dei successivi 14 anni, circa 1.000 persone coinvolte nello studio hanno sviluppato la malattia. Inizialmente il rischio sembrava un po’ piu’ elevato tra coloro che avevano consumato piu’ caffeina, ma poi e’ emerso che i bevitori di caffe’ hanno anche fumato molto di piu’ delle persone con un piu’ basso consumo di caffeina.

Poiche’ studi precedenti avevano legato la psoriasi sia all’alcol sia al tabacco, i ricercatori hanno potuto emendare il caffe’ tra i fattori sospetti della malattia della pelle.
“C’e’ inoltre un crescente corpo di evidenze che suggeriscono che il consumo di caffe’ puo’ ridurre il rischio di diabete, di ictus e alcuni tipi di cancro”, ha commentato Lopez-Garcia, docente presso l’Universidad Autonoma di Madrid in Spagna, non coinvolto nello studio. La ricerca e’ stata pubblicata sugli ‘Archives of Dermatology’.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi