Dolore cronico: ne soffrono 350.…

Dalla prescrizione di far…

Dal latte materno una proteina p…

Una proteina comples…

Leucemia: individuata mutazione …

Un team di ricercatori de…

Obesità e insonnia: negli adoles…

Gli adolescenti obesi che…

Chirurgia: valutare l’innovazion…

Nel corso del Convegno “S…

Rotary International contro la p…

Al suo fianco anche Maria…

Cervello: scoperta l'azione del …

Vicini alla comprensione …

La diagnosi genetica preimpianto…

Carlo Bulletti Diretto…

L’OMS tuona all’Europa: il 2015 …

Si è appena concluso a Co…

L'errato ripiegamento proteico: …

Il ripiegamento delle pro…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sindrome da fatica cronica: non è “riposando” che si cura il disturbo

Prendere la vita con più lentezza non sembra essere la risposta più efficace contro i sintomi della Sindrome da fatica cronica, cioè sonnolenza, affaticamento, dolore muscolare e vuoti di memoria, che colpiscono il 2% della popolazione mondiale.

Lo ha stabilito il Lancet con il più ampio studio comparativo mai dedicato all’argomento da quando nel 1994 è stata proposta la definizione medica della malattia. Secondo la ricerca finanziata dal britannico Medical Research Council la cosiddetta terapia adattiva, un metodo che prescrive una riduzione delle attività fino a trovare il giusto equilibrio delle energie a disposizione, non è efficace quanto la terapia comportamentale e l’esercizio fisico che restano gli strumenti migliori per contrastare la stanchezza cronica.


Lo hanno stabilito studiando più di 600 pazienti divisi in quattro gruppi per 6 mesi. Tuttavia, anche se l’approccio psicoterapeutico risolve il 30% dei casi, “anche con le migliori terapie che abbiamo, quattro persone su 10 non migliorano”, spiega l’autore dello studio Peter White della Queen Mary University di Londra.

I ricercatori britannici hanno analizzato gli approcci più comuni per il trattamento: la terapia cognitivo-comportamentale, che utilizza strumenti psicologici per cambiare consapevolezza e azione dei pazienti; l’attività fisica, come camminare per aumentare l’energia; la terapia adattiva e l’intervento medico, consistente nella consulenza di auto-aiuto e nella prescrizione di farmaci per insonnia e dolore. Con la terapia cognitivo-comportamentale, il 30% dei pazienti sono tornati a livelli normali. Più o meno la stessa percentuale dell’intervento medico-farmacologico.

I trattamenti hanno contribuito alla cura del 60% dei pazienti e in ogni caso senza garanzie per la durata delle soluzioni. Per il coautore Michael Sharpe “una delle difficoltà in campo è l’ambiguità” della malattia che lascia aperti gli interrogativi: “Qual è la causa e, soprattutto, qual è il trattamento?”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi