Questione Bayer: i sensazionali…

Già un anno fa l’Ema e l’…

Radicali liberi: i nemici del si…

I radicali liberi attacca…

SItI e Sanofi Pasteur MSD: partn…

Due giorni di formazion…

Gravidanza breve se preceduta da…

La durata di una gravida…

Asma: quanto incide il rapido sv…

I neonati che crescono pi…

Elisir di lunga vita? Alimentazi…

Nessun ingrediente miraco…

Rigenerazione tessuti cardiaci d…

Saranno consegnati a Ot…

Oppio altera centri cerebrali di…

L'uso dell'oppio altera l…

Sindrome di Sjogren: idrossiclor…

I pazienti affetti dalla …

Diabete e obesità: trovati gli e…

Inibire l'azione di alcun…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

BEMS, la Sclerosi Multipla a 360 gradi

È una vera piaga sociale: in Italia ogni anno si ammalano 1800 persone. Neurologi, esperti e rappresentanti delle istituzioni tornano a confrontarsi per trovare soluzioni e risposte alle esigenze dei pazienti. Teva è da sempre impegnata nella ricerca di nuove terapie per combattere la SM e il suo impegno ha portato allo sviluppo di Copaxone  (glatiramer acetato), farmaco che attualmente è il più utilizzato al mondo per la sclerosi multipla recidivante remittente.

Roma, 12 aprile 2012 – In Italia ogni quattro ore viene diagnosticato un nuovo caso, ogni anno 1800 persone si ammalano, 63 mila sono gli italiani, per lo più donne tra i 20 e i 40 anni, che ogni giorno combattono contro una malattia devastante: la sclerosi multipla.

Numeri che fanno riflettere e che portano a cercare nuove soluzioni capaci di combattere questa malattia, tra le più gravi del sistema nervoso, e di permettere ai malati e ai loro familiari di avere una buona qualità di vita.

Per due giorni (12-13 aprile) la sclerosi multipla sarà al centro del dibattito tra neurologi e rappresentanti delle istituzioni al “BEST EVIDENCE IN MULTIPLE SCLEROSIS” (BEMS), in programma al MAXXI, il Museo nazionale delle arti del XXI secolo, a Roma. L’evento, promosso da Teva Italia, una delle maggiori aziende farmaceutiche del mondo, da anni attiva nella ricerca di farmaci innovativi nelle aree del sistema nervoso centrale, dell’oncologia e delle malattie autoimmuni, offre la possibilità di un confronto concreto su temi gestionali, organizzativi, clinici ed economici, instaurando una più stretta collaborazione tra gli attori coinvolti nell’ambito di uno scenario complesso come quello della sclerosi multipla.

Numerosi sono i progressi compiuti negli ultimi anni dal punto di vista terapeutico, eppure attualmente non esiste ancora una cura risolutiva per la SM. Esistono terapie farmacologiche efficaci in grado di modificarne il decorso, riducendo la frequenza e la gravità delle ricadute e rallentando la progressione della disabilità. Teva è da sempre vicina a questi malati con farmaci innovativi come il Copaxone, il trattamento più usato al mondo per la cura della sclerosi multipla, sviluppato clinicamente da Teva e da marzo ritornato nel portfolio dell’azienda.

“Teva, che organizza e promuove questa prima edizione del Bems, da anni porta avanti la ricerca sulla sclerosi multipla per dare nuove speranze di cura ai malati”, commenta Giorgio Foresti, AD di Teva Italia. “Oggi il neurologo ha a disposizione diverse opzioni terapeutiche come il Copaxone per la cura di questa patologia ma per combattere la sclerosi multipla è essenziale un costante confronto scientifico, tra medici esperti in questo settore, e il coinvolgimento del mondo della politica. È necessaria infatti  una maggiore e proficua collaborazione per fornire risposte sempre più concrete ai pazienti e alla società civile”.

Nonostante la ricerca stia facendo progressi per trovare soluzioni terapeutiche sempre più efficaci, la sclerosi multipla incide pesantemente sulla qualità di vita del paziente colpito in un momento particolare della vita, in cui generalmente si fanno progetti personali e professionali.

Secondo i dati di un’indagine internazionale promossa dalla National Multiple Sclerosis Society su 1.200 persone affette da sclerosi multipla emerge che più della metà dei malati (61%) lamenta una difficoltà a lavorare, con conseguente impatto negativo sulla situazione economica. Il 65% riporta problemi di deambulazione che in 1 caso su 5 li costringe a cambiare o ad abbandonare la propria professione. La sclerosi multipla è anche una delle malattie socialmente più costose (fonte: Organizzazione Mondiale della Sanità). Da un’indagine dell’Associazione italiana sclerosi multipla (Aism ) risulta che in Italia il costo sociale totale è di due miliardi e 400 mila euro all’anno. La spesa media che ogni malato e la sua famiglia devono sostenere è di 32mila euro all’anno, che variano a seconda del grado della malattia.

Per analizzare la patologia a 360 gradi, il Bems si aprirà, il 12 aprile, con una tavola rotonda sul tema “Modelli di gestione della sclerosi multipla: una condivisione di esperienze.” Al centro del dibattito i programmi e le attività ritenute essenziali a livello tecnico-scientifico e politico. In un contesto in cui la crescente competenza delle regioni in materia sanitaria e sociale diventa centrale, i relatori analizzeranno i nuovi modelli di gestione e di assistenza in Italia, con un confronto con le diverse esperienze a livello europeo. Un’attenzione particolare verrà riservata al complesso universo che ruota intorno ai pazienti, le cui esigenze e attese sono un obiettivo di confronto prioritario, partendo dal punto di vista degli stessi malati.

La seconda giornata (13 aprile) verterà su tematiche più prettamente clinico-scientifiche: gli aspetti genetici, i trattamenti, gli scenari futuri. L’intervento dei clinici sarà supportato dall’utilizzo di strumenti tecnologici avanzati e favorirà importanti momenti di discussione.

“La sclerosi multipla è una malattia infiammatoria cronica autoimmune che causa gravi disabilità. Si sviluppa a causa di un anomalo attacco al sistema nervoso centrale da parte del nostro sistema immunitario” spiega il professor Giancarlo Comi, Direttore del Dipartimento di Neurologia e Istituto di Neurologia Sperimentale, Università Vita – Salute San Raffaele di Milano, uno dei massimi esperti nella cura della sclerosi multipla. “Per il trattamento di questa patologia invalidante si sono prospettate alcune novità terapeutiche importanti, tra le quali una molecola sviluppata da Teva e ciò conferma la capacità della ricerca italiana, che si unisce agli investimenti da parte di aziende farmaceutiche mondiali come Teva”.

 

 

Teva

Teva Pharmaceutical Industries Ltd. (Nasdaq: TEVA) è una delle principali aziende farmaceutiche mondiali. È impegnata nell’accrescere l’accesso ad un’assistenza sanitaria di qualità attraverso lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di farmaci generici a prezzi accessibili, così come di farmaci innovativi e di specialità e ingredienti farmaceutici attivi. Con sede in Israele, Teva è il più grande produttore di farmaci equivalenti al mondo, con un portfolio prodotti globale di oltre 1.300 molecole e una presenza diretta in circa 60 paesi. Per quanto riguarda i farmaci innovativi, Teva concentra la sua attività di sviluppo nell’area delle malattie neurologiche, di quelle oncologiche, respiratorie e della salute della donna, oltre che nel settore dei farmaci biotecnologici e biosimilari. Teva impiega circa 47.000 persone in tutto il mondo e ha registrato un fatturato a livello mondiale di 16,1 miliardi di dollari in vendite nette nel 2010.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!