Epatite C: prezzo rimborsabilità…

Aifa al lavoro per arriva…

Ipotiroidismo: il 36% dei pazien…

Un'indagine Doxa sui …

Nuova fibra: cura le ferite, ril…

L'invenzione che potrebbe…

Gel iniettabile nelle corde voca…

Fra i pazienti in attesa …

Termalismo: a Monfalcone gocce d…

Le rinnovate Terme Roma…

Tumore al seno: fumo e recettori…

[caption id="attachment_8…

Fibre ottiche super, applicate a…

Super fibre ottiche, capa…

CLUB DELL’OMOTOSSICOLOGIA: LA PA…

Appuntamento con il Club …

Bilinguismo: i bambini bilingui …

Un nuovo studio condotto …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Da Pisa uno studio sulle funzioni del fegato

Il team del laboratorio di Genetica molecolare e patologia virale epatica dell’Unita’ operativa di Epatologia dell’Aoup pisana, diretto da Maurizia Rossana Brunetto, ha scoperto come poter effettuare studi predittivi sui microRna utilizzando il siero, senza dover ricorrere a esami invasivi come la biopsia epatica.

Il tutto sfruttando il virus dell’epatite B. Questo virus (Hbv), spiegano i ricercatori, “nonostante il piccolissimo genoma, e’ capace di esprimere la piu’ disparata varieta’ delle funzioni biologiche del mondo virale. Conserva il proprio patrimonio genetico, replica avvalendosi di una trascrizione inversa in Rna, e come un retrovirus puo’ integrare proprie sequenze geniche nel genoma umano.

Infine, come nessun altro agente infettivo finora noto, si trasforma in mini-cromosoma per passare, assieme ai cromosomi umani, dalle cellule madri alle cellule figlie. In tal modo sia l’Hbv che gli altri membri della famiglia HepDNAvirus infettano cronicamente milioni di uomini, roditori e uccelli senza produrre nella maggioranza di essi malattie importanti”. La malattia compare solo se il sistema immune riconosce la presenza del virus e reagisce, cercando di eliminare le cellule che lo albergano. L’abilita’ virale di persistere nei soggetti infettati deriva dalla capacita’ d’indurre tolleranza immunologica attraverso la produzione dei principali antigeni virali in eccesso rispetto a quanto necessario per il montaggio delle nuove particelle virali. Cio’ genera un’enorme quantita’ di particelle difettive di HBsAg, vuote, costituite solo dall’involucro superficiale, che circolano nel sangue eccedendo le particelle virali complete (o virioni), da migliaia a milioni di volte. Negli anni ’80 il primo vaccino anti-epatite B fu prodotto proprio grazie all’aiuto del virus, in quanto era costituito dall’eccesso di particelle subvirali di HBsAg, purificate dal sangue umano. Nella ricerca pisana il gruppo di Maurizia Brunetto dimostra, per la prima volta, che le particelle HBsAg veicolano nel sangue microRna epatocellulari. Tali piccoli Rna (circa 20 nucleotidi) regolano l’espressione genica in tutte le nostre cellule. I miRna sono “delle sentinelle, fanno da campanello di allarme per le patologie in agguato. Il profilo quali-quantitativo dei principali microRna presenti in una cellula definisce infatti indirettamente il suo stato funzionale e risulta alterato in condizioni patologiche. Alcuni microRna possono rappresentare biomarcatori prognostici di malattia e fungere da obiettivi terapeutici”. La caratterizzazione delle variazioni dei profili di microRna epatici richiede pero’ l’uso di “esami bioptici ripetuti, improponibili perche’ invasivi”. I microRna cellulari vengono anche dismessi nel sangue o all’interno di microparticelle cellulari, ma il loro studio non permette di capire da quali cellule provengano. La scoperta che le particelle HBsAg veicolano miRna epatocellulari permette di superare il problema della loro non specifica identificazione nel siero. Infatti, le cellule epatiche dei portatori di infezione cronica da Hbv rilasciano nel sangue particelle subvirali di HBsAg, facilmente isolabili dal sangue mediante immunoprecipitazione. Percio’, nei portatori cronici di HBsAg, e’ possibile studiare le variazioni del profilo dei microRna epatocellulari e correlarle con le diverse condizioni patologiche. L’ecletticita’ produttiva del virus diventa utile offrendo un efficace strumento di conoscenza “in grado di farci decifrare importanti elementi della fisiologia e patologia epatica, che potranno tradursi in interventi di diagnosi e cura, utili alla pratica clinica”, concludono gli studiosi.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!