Tumori: provocati uno su 40 da e…

In almeno un caso su 40 i…

Le sigarette veicolano ceppi bat…

Le sigarette sono "ampiam…

Tumore ovarico, i poteri di miR-…

Nei casi di tumore ovaric…

Lipoproteina: si aggiunge alla l…

[caption id="attachment_6…

Trapianto di polmone da donatore…

Primo trapianto in Italia…

Il melanoma diagnosticato con un…

[caption id="attachment_9…

L'Alzheimer, si "tramanda" da ne…

Le proteine 'tossiche' al…

Visite ai malati non-stop e repa…

  Oltre a curare al megli…

Un gene alla regia del vivere sa…

[caption id="attachment_5…

Le lesioni parziali del midollo:…

Imparare a controllare i …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori: in GB, medico di famiglia non riconosce sintomi elementari in un giovane su 3

Due terzi degli adolescenti con un tumore si rivolgono al proprio medico di famiglia lamentando almeno uno dei più comuni sintomi di cancro. Ma in un caso su tre il dottore non li riconosce.

E’ quanto emerge da uno studio condotto in Gran Bretagna per la conferenza 2012 del Teenage Cancer Trust, che ha indagato sulle esperienze di ragazzi di 13-24 anni quando per la prima volta hanno sperimentato i sintomi del tumore.
Ebbene, uno su quattro ha dovuto recarsi dal proprio medico almeno quattro volte prima di essere indirizzato a uno specialista. Di quelli che all’inizio erano stati mal diagnosticati, il 12% si è sentito dire che stava solo cercando di attirare l’attenzione, e il 15% che aveva solo avuto un virus. In altri casi i segni di cancro erano stati ‘scambiati’ con indigestione, vertigini, lesioni sportive o influenza suina.

Cinque dei più comuni sintomi e segnali di tumore nei giovani sono un dolore inspiegabile e persistente, una massa o un gonfiore, una stanchezza estrema, una perdita di peso significativa o le alterazioni di un neo. I ricercatori sottolineano che lo studio mette in luce il grave problema della diagnosi ritardata nei giovanissimi. Inoltre più di un terzo dei ragazzi malati di tumore è convinto che delle lezioni a scuola lo avrebbe aiutato a identificare prima i propri sintomi. Non a caso, il 59% vorrebbe che i segni e i sintomi del tumore fossero inclusi nell’istruzione scolastica. Un’idea che piace a Simon Davies, direttore esecutivo della Teenage Cancer Trust. “Abbiamo sollecitato l’inserimento del cancro nel programma scolastico nazionale per anni – dice al quotidiano britannico ‘Daily Mail’ – Stiamo ancora aspettando. I giovani hanno bisogno che i medici di famiglia adottino un approccio ‘a tre colpi’: se una persona giovane si presenta con gli stessi sintomi per tre volte, il medico di medicina generale dovrebbe automaticamente indirizzarlo a ulteriori indagini”, conclude Davies. (ADNKRONOS)

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!