Malattie genetiche: il Danio rer…

Già ampiamente utilizzati…

Bambini all'aria aperta anche d'…

Le precauzioni per evitar…

Test del sangue per individuare …

Un nuovo test è in grado …

Sindrome del follower per un mil…

Oltre un milione gli unde…

Ricostruito interno orecchio con…

Ideata una nuova tecnic…

I rischi di trasmissione cancro …

[caption id="attachme…

Svelato il mistero dell'adenina …

[caption id="attachment_1…

Al batter di ciglia il cervello …

Al pari di un computer, i…

Glioblastoma: una molecola offre…

[caption id="attachment_7…

Il colore dei capelli 'estratto'…

E' possibile grazie all'i…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

ASCO 2012: per i pazienti colpiti da tumore del colon retto ad alto rischio di metastasi è fondamentale test KRAS al momento della diagnosi

Gli autori hanno concordato che:

  • disporre del risultato del test KRAS con tempi troppo lunghi rappresenta un forte limite per la scelta della terapia
  • spesso i tempi di attesa dei risultati sono ben oltre quelli accettabili di 10-15 giorni (in alcuni casi si arriva addirittura a 30 giorni)
  • ricevere i risultati del test KRAS tempestivamente garantisce al paziente la terapia più appropriata ed efficace per ottenere il maggior beneficio clinico
  • il test dovrebbe essere esteso non solo ai pazienti già in fase metastatica ma anche a quelli ad alto rischio per facilitare l’accesso alle terapie

 

Lo studio ha portato avanti la valutazione anche dal punto di vista farmacoeconomico.

Il Professor Lorenzo G. Mantovani, ricercatore del Centro Interdipartimentale di Farmacoeconomia e Farmacoutilizzazione dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, ha commentato che: “Anticipare il test alla diagnosi di tumore nei pazienti ad alto rischio di metastasi, oltre ad apportare maggiori benefici al paziente, è sostenibile per il servizio sanitario nazionale anche in termini di rapporto costo-efficacia. Abbiamo dimostrato che utilizzare le terapie personalizzate, anche anticipando il test alla diagnosi, comporta un costo per QALY* (quality adjusted life year) ben al di sotto della soglia di spesa comunemente accettata sia dal servizio sanitario nazionale che dalla comunità scientifica internazionale.”

 

* anni di vita guadagnati ponderati per la qualità

____________________________________

Gli autori dello studio:

Dott. Carmine Pinto, Responsabile Tumori Gastroenterici Oncologia Medica Azienda Ospedaliera Universitaria di Bologna, Policlinico Sant’Orsola Malpighi

Prof. Carlo Barone, Direttore della UOC di Oncologia Medica, Università Cattolica del S. Cuore di Roma

Dott. Nicola Normanno: Direttore del Laboratorio di Biologia Cellulare e Bioterapie e Direttore del Dipartimento di Ricerca dell’IRCCS – Fondazione Pascale, Napoli

Prof. Francesco Cognetti: Direttore della Divisione di Oncologia Medica A, Istituto Nazionale Tumori Regina Elena, Roma

Prof. Alfredo Falcone: Direttore U.O. Oncologia Medica Universitaria e Polo Oncologico
Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana, Pisa

Prof. Lorenzo Capussotti: Direttore della Chirurgia Oncologica e della Chirurgia epato-bilio-pancreatica-digestiva, Azienda Sanitaria Ospedaliera Ordine Mauriziano, Torino

Prof. Lorenzo Mantovani: Ricercatore di Centro Interdipartimentale di Farmacoeconomia

e Farmacoutilizzazione della Università degli Studi di Napoli Federico II & Direttore scientifico del Centro di Farmacoeconomia, Dipartimento di Scienze Farmacologiche, Università degli Studi di Milano

 

 

Informazioni sul tumore del colon retto

Il Cancro del Colon Retto, (CRC), è la terza forma di tumore per mortalità nelle donne e la quarta negli uomini a livello mondiale e causa circa 608.000 decessi all’anno2.

In Italia il tumore del colon retto si attesta al terzo posto fra le neoplasie diagnosticate fra gli uomini ed al secondo posto tra quelle delle donne, rappresentando rispettivamente il 14% ed il 13% dei tumori. Considerando l’intera popolazione, il tumore del colon retto è la seconda causa di morte per tumore3.

Bibliografia

 

  1. Pinto C., Barone C., Normanno N., Cognetti F., Falcone A., Capussotti L., and Mantovani L.G.: Evaluation of cost-effectiveness of early KRAS testing in high-risk recurrence colorectal cancer patients  in Italy. ASCO Annual Meeting 2012, Abstract No. 14113
  2. Ferlay J., et al. International Journal of Cancer – Estimates of Worlwide Burden of Cancer in 2008: GLOBOCAN 2008
  3. AIOM-AIRTUM, I numeri del cancro in in Italia 2011, Intermedia Editore 2011

 

 

 

 

Informazioni su Merck Serono

 

Merck Serono è la divisione biofarmaceutica di Merck KGaA. Con sede centrale a Ginevra, Svizzera, Merck Serono offre, in 150 Paesi, prodotti all’avanguardia in oncologia, sclerosi multipla, infertilità, disfunzioni endocrine e del metabolismo, oltre che in patologie cardiometaboliche. Negli Stati Uniti e in Canada Merck Serono opera con proprie affiliate conla denominazione EMD Serono.

 

Merck Serono ricerca, sviluppa, produce e commercializza farmaci da prescrizione di origine chimica o biotecnologica in indicazioni specialistiche.. L’Azienda è fortemente impegnata nello sviluppare nuovi trattamenti nelle proprie aree terapeutiche d’elezione: neurologia, oncologia e reumatologia.

 

 

Informazioni su Merck

Merck è un gruppo globale farmaceutico e chimico con vendite per 10,3 miliardi di Euro nel 2011, una storia iniziata nel 1668 ed un futuro formato da circa 40.000 dipendenti in 67 Paesi. Il suo successo è caratterizzato dall’innovazione da parte di dipendenti imprenditori. Le attività operative di Merck sono svolte sotto il coordinamento della Merck KgaA, nella qualela famiglia Merckdetiene una partecipazione del 70% ed altri azionisti il rimanente 30%. Nel 1917 la succursale negli Stati Uniti Merck & Co è stata espropriata ed è divenuta da allora in poi una società indipendente.

 

Per ulteriori informazioni visitare il sito www.merckserono.it

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!