Respinta la legge 40 dalla Corte…

Respinto, dalla Corte eur…

Insonnia: studiate le differenze…

Le persone che soffrono …

Tumori: curare la depressione mi…

Centinaia di malati di ca…

Clinical Trial Center: nasce al …

Roma, 16 gennaio 2014 – I…

Tumore ovarico: nell'immunoterap…

Oggi la quinta giornata…

Amiloide: proteina responsabile …

[caption id="attachment_9…

L'effetto antinfiammatorio del G…

[caption id="attachment_6…

Ricerca evidenzia il meccanismo …

[caption id="attachme…

Febbre tifoidea: ottimi risultat…

Sono positivi i risultati…

Distrofia di Duchenne: staminali…

Cellule staminali "da un…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

JDRF e Medtronic insieme per la Ricerca sul Pancreas Artificiale

Collaborazione tra i leader della R&S nel campo del pancreas artificiale, per lo sviluppo di un nuovo sensore “ridondante” che migliora il controllo del glucosio nei pazienti diabetici 

NEW YORK, 19 Giugno 2012 – JDRF, in collaborazione con la Fondazione Helmsley Charitable Trust (HCT), ha annunciato oggi una partnership con Medtronic, leader nella ricerca e sviluppo della tecnologia del pancreas artificiale. Il progetto congiunto JDRF e HCT, denominato “Sensor Initiative”, è nato con lo scopo di rendere più preciso e affidabile il monitoraggio continuo della glicemia (CGM) per tutti i pazienti con diabete, con un massimo beneficio per i pazienti con diabete di tipo 1, dotati di sistemi integrati di gestione dell’insulina e monitoraggio della glicemia, con l’obiettivo di arrivare a una futura generazione di sistemi di pancreas artificiale.

La collaborazione prevede un fondo JDRF pari a 17 milioni USD dedicato a sostenere il programma di ricerca Medtronic in questo ambito per i prossimi tre anni. Questo rappresenta uno dei più grandi progetti di ricerca sostenuto a oggi da JDRF.

Obiettivo della partnership è quello di accelerare lo sviluppo di un nuovo sensore Medtronic “a doppio feedback”, che abbini due distinte tecnologie di rilevamento in un solo dispositivo per il monitoraggio continuo della glicemia. La JDRF- Helmsley Charitable Trust ha finanziato questa importante innovazione tecnologica attraverso la “Sensor Initiative”.

I sistemi e sensori CGM odierni sono già di grandissimo aiuto ai pazienti nel raggiungere un migliore controllo della glicemia. I sensori di nuova generazione saranno ancora più precisi e affidabili e consentiranno una gestione più efficace dell’insulina e lo sviluppo di sistemi automatizzati di pancreas artificiale.

“Da tempo sappiamo che una tecnologia dei sensori corretta e attendibile è necessaria per la realizzazione del pancreas artificiale. I sensori glicemici ” “ridondanti” o a “doppio feedback” che verranno sviluppati da Medtronic porteranno a progressi più rapidi in tale direzione” ha dichiarato Jeffrey Brewer, Presidente e Chief Executive Officer della JDRF. “Siamo felici, attraverso la “Sensor Initiative”, di innalzare il livello della nostra già lunga e consolidata collaborazione con Medtronic, che potrà migliorare la qualità di vita delle persone con diabete.”

“La fondazione Helmsley Charitable Trust è fortemente impegnata nel rendere meno pesanti i disagi della malattia e nel migliorare la qualità di vita delle persone affette da diabete di tipo 1; questa collaborazione, che offre l’opportunità di accelerare lo sviluppo di strumenti più accurati ed efficaci per la gestione quotidiana della terapia insulinica, realizza entrambi gli obiettivi” ha dichiarato David Panzirer, Trustee della Helmsley Charitable Trust.

Il sensore ‘a doppio feedback’ abbinerà un sensore elettrochimico – denominato sensore a glucosio ossidasi (GOX) e che adotta la tecnologia più comune nei sistemi di monitoraggio continuo della glicemia oggi disponibili – a uno ottico, per fornire valori glicemici più corretti. La ridondanza dei due sensori, che sfrutteranno tecnologie di misurazione distinte, permetterà il controllo reciproco e garantirà sicurezza e affidabilità alla rilevazione della glicemia, aprendo la strada al sistema di pancreas artificiale.

“Quello odierno è un altro importante passo avanti, nella partnership con la JDRF -Helmsley Charitable Trust, che parte dall’obiettivo di innovare ulteriormente la tecnologia di monitoraggio continuo della glicemia per arrivare ai sistemi di pancreas artificiale. Percorso iniziato diversi anni fa con le ricerche della JDRF sul monitoraggio continuo della glicemia e proseguito oggi con numerosi nuovi studi.” ha dichiarato Katie Szyman, Presidente Esecutivo della Divisione Diabete di Medtronic “Siamo, inoltre, molto contenti di poter presentare la tecnologia “optical based” di rilevamento del glucosio, acquisita alcuni anni orsono. Migliorare la precisione e l’affidabilità del sensore, priorità per entrambe le organizzazioni, consentirà alle persone con diabete di vivere più a lungo e in miglior salute”.

I device CGM forniscono in tempo reale sia un’immagine “istantanea” del livello di glucosio nel sangue del paziente diabetico, sia informazioni sulla tendenza e velocità delle oscillazioni della glicemia. Il dispositivo, infatti, avverte quando si verificano eccessive escursioni glicemiche. Gli studi più importanti della JDRF hanno mostrato che l’utilizzo del monitoraggio continuo della glicemia può migliorare in modo significativo il controllo del diabete e diminuire, se usato regolarmente, la frequenza di ipo o iperglicemie. Questi sensori fanno oggi parte dei sistemi di pancreas artificiale, che renderanno la somministrazione d’insulina quasi automatica. Nel futuro, i sistemi di pancreas artificiale automatizzati, che ripristinano livelli non patologici di glucosio nel sangue richiederanno sensori avanzati, più precisi e con maggiore capacità di rilevamento degli errori. Medtronic, che può definirsi azienda pionieristica nello sviluppo di tecnologia per un pancreas artificiale, ha già sviluppato Paradigm Veo, il primo sistema integrato di seconda generazione ad ansa semichiusa che sospende automaticamente la somministrazione d’insulina se il valore del sensore della glicemia è uguale o inferiore a una soglia minima impostata per l’ipoglicemia.

Il diabete di tipo 1 (T1D)

Il diabete di tipo 1 è una patologia autoimmune, caratterizzata dall’incapacità del pancreas di produrre insulina, un ormone necessario a convertire zucchero, amido e altri alimenti in energia. Chi soffre di diabete di tipo 1 deve misurare il livello ematico del glucosio, attraverso una puntura sul dito per prelevare il sangue o con l’ausilio del CGM e iniettarsi l’insulina ogni giorno più volte al giorno manualmente o con una pompa d’insulina.

JDRF

JDRF è l’organizzazione leader a livello mondiale dedicata alla ricerca sul diabete di tipo 1. Guidata dalla passione di un gruppo di volontari legati a bambini, adolescenti e adulti con questa patologia, JDRF è il maggior ente non profit per la ricerca sul diabete di tipo 1. Obiettivo della JDRF è migliorare la vita delle persone affette da T1D, contribuendo al progresso delle maggiori opportunità di cura, trattamento e prevenzione della patologia. JDRF collabora con numerosi partner che condividono lo stesso obiettivo. Dalla sua fondazione nel 1970, JDRF ha stanziato più di 1,5 miliardi di dollari per la ricerca del diabete di tipo 1. Più dell’80% dei suoi investimenti sono destinati direttamente alla ricerca e alla formazione legata alla ricerca. Le precedenti attività di ricerca della JDRF hanno contribuito a migliorare la cura delle persone malate e hanno esteso la conoscenza scientifica di questa patologia.

JDRF non si fermerà finché il diabete di tipo 1 non sarà completamente sconfitto. Per maggiori informazioni: www.jdrf.org.

Medtronic
Medtronic, Inc. (www.medtronic.com), con sede a Minneapolis, è leader mondiale nel campo dei dispositivi medici e, attraverso i suoi prodotti, permette di alleviare il dolore e migliorare la qualità della vita a milioni di persone in tutto il mondo.

Leona M. e Harry B. Helmsley Charitable Trust

La Leona M. and Harry B. Helmsley Charitable Trust è una fondazione nata nel 1999 e guidata da quattro amministratori scelti da Leona Helmsley. La fondazione, seguendo l’esempio dei coniugi Helmsley nel corso della loro vita, supporta finanziariamente numerose organizzazioni dedicate alla salute e alla ricerca medica, oltre a programmi di servizi umanitari, di formazione, di accesso alla cultura, di conservazione e sicurezza e sviluppo di Israele. Dal 2009, la fondazione ha destinato oltre 100 milioni di dollari alla ricerca e a programmi dedicati al diabete di tipo 1, attraverso il Helmsley Type 1 Diabetes Program.

Per maggiori informazioni: www.helmsleytrust.org.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!