Differenza genica tra uomo e cav…

Due importanti caratteris…

Crisi ipoglicemiche: sei settima…

Un programma di correzion…

Ictus al femminile: come preveni…

L’American Heart Associat…

Malaria: l'azione diretta su lar…

Colpire i siti di ri…

Vita sessuale meno dolorosa in m…

Il dolore da rapporto ses…

Scompenso cardiaco grave: l’alte…

[caption id="attachme…

Il ruolo dei prioni nella memori…

Le proteine prioniche, no…

Dal 29 novembre al primo dicembr…

Il numero uno della Socie…

Mele: i pediatri vigilano sull'a…

A Roma il 16 Febbraio 201…

Tumori: il gioco chiave delle be…

Non solo predisposizione …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Melanoma: una ricerca descrive una proteina in grado di arrestarne la progressione maligna

Ricercatori dell’Universita’ Cattolica del Sacro Cuore di Roma, insieme a colleghi americani, hanno scoperto una proteina, chiamata ”HINT1”, che potrebbe aiutare a sconfiggere il melanoma, il tumore della pelle piu’ aggressivo.

L’e’quipe di Alessandro Sgambato dell’Istituto di Patologia Generale dell’Universita’ Cattolica, diretto da Achille Cittadini, insieme con colleghi del Cancer Center della Columbia University di New York e del Dipartimento di Oncologia Medica del Dana Farber Cancer Institute della Harvard University di Boston (dove ha lavorato Giannicola Genovese, dottorando in Oncobiologia e Oncologia Medica alla Cattolica di Roma), ha scoperto che HINT1 e’ ”spenta” (assente, ridotta o disattivata) in molti casi di melanoma e che riattivandola (per ora in cellule coltivate in provetta) si puo’ arrestare la crescita delle cellule malate. Lo studio e’ stato pubblicato sulla rivista Cell Cycle.

Secondo le prime stime formulate dai ricercatori italiani, disfunzioni a carico di HINT1 potrebbero essere coinvolte nel 40% dei casi di melanoma.

Tumore maligno molto aggressivo – che ha origine dai melanociti, le cellule cutanee responsabili della produzione di melanina (molecola che colora la nostra pelle), e insorge frequentemente su un neo preesistente ma puo’ comparire anche ”de novo”, dai melanociti normali della pelle – il melanoma rappresenta la prima causa di morte al mondo per tumore della pelle e la sua incidenza e’ cresciuta negli ultimi decenni a un ritmo superiore a quello di qualsiasi altro tipo di tumore. Rarissimo prima della puberta’, il melanoma colpisce prevalentemente soggetti tra i 30 e i 60 anni. In Italia si registrano circa 7 mila nuove diagnosi l’anno con 1.500 decessi. A livello mondiale, si stima che nell’ultimo decennio il melanoma abbia raggiunto i 100.000 nuovi casi l’anno: un aumento di circa il 15% rispetto al decennio precedente. Inoltre, l’eta’ dei malati si sta abbassando progressivamente. Se 10 anni fa i giovani rappresentavano solo il 5% dei casi, oggi il 20% dei casi riguarda pazienti tra i 15 e i 39 anni, aumento che e’ stato attribuito sia a una scorretta esposizione solare durante l’infanzia, sia all’uso esagerato delle lampade solari.

”Abbiamo dimostrato che HINT1 e’ frequentemente assente in cellule di melanoma umano e che la sua riattivazione riduce la crescita e la malignita’ del tumore”,spiega Sgambato.

I risultati dello studio suggeriscono che ripristinando l’attivita’ della proteina si potrebbe bloccare lo sviluppo del tumore e, potenzialmente, delle sue metastasi. La speranza, quindi, e’ di sviluppare dei farmaci capaci di mimare l’attivita’ di HINT1. Inoltre, poiche’ HINT1 e’ alterato anche in altri tumori quali il cancro del colon e dello stomaco, un eventuale farmaco sarebbe efficace anche in questi tumori. ”Naturalmente – sottolinea il patologo generale della Cattolica – non sara’ facile sviluppare un simile farmaco e sara’ necessario il coinvolgimento di aziende farmaceutiche che, ci auguriamo, possano finanziarne lo sviluppo, collaborando con noi per la messa a punto del trattamento”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!